Croce Rossa Italiana, perché è importante vaccinarsi. Venerdì incontro con gli esperti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Croce Rossa Italiana, perché è importante vaccinarsi. Venerdì incontro con gli esperti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Sono una delle scoperte scientifiche più importanti per il genere umano eppure sono guardati con sospetto da una parte dell’opinione pubblica, pronta ad additarli come nocivi: sono i vaccini.

Cresce l’allarme dell’Istituto Superiore di Sanità di fronte all’aumento del numero di famiglie che scelgono di non somministrarli più ai propri figli, neppure quelli obbligatori. Una scelta che rischia di far calare la cosiddetta “copertura di gregge”, rendendo di nuovo realtà morti dovute a malattie che erano quasi debellate, come il morbillo o la pertosse.

Malattie che tornano a far paura. Basti pensare alla poliomelite, al vaiolo, al tetano, al morbillo e a tante altre.

Stando agli ultimi bollettini, ad agosto 2015 si sono ammalate di morbillo altre 12 persone, portando i casi italiani del 2015 a 150. I pazienti hanno un’età media di 21 anni, e in 8 casi su 10 non si erano vaccinati. I restanti, avevano ricevuto una sola dose, cioè una vaccinazione incompleta. Recente la notizia di una bambina, di neanche un mese, morta di pertosse all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Un caso che ha scosso la Sanità in quanto la pertosse non rappresentava più una minaccia grazie al vaccino.

Il calo delle vaccinazioni sarebbe attribuita agli allarmismi diffusi da movimenti d’opinione che, attraverso la rete, avrebbero diffuso con facilità e velocità notizie  su possibili effetti collaterali, ingredienti pericolosi o su legami con l’insorgenza di questa o quella malattia.

Ed è proprio nell’ottica di educare ed informare i cittadini, al di là di quello che può affermare o meno il “Dr. Google”, che il comitato locale Croce Rossa Italiana organizza un incontro sul tema delle “vaccinazioni, un atto di amore consapevole”.

“Sono partner dell’iniziativa anche le sezioni jesine dei club  Rotary, Lions e Kiwanis International, da sempre sensibili a queste tematiche – ha annunciato il presidente del comitato locale CRI dott. Francesco Bravi durante la conferenza stampa – L’obiettivo è far comprendere ai cittadini che vaccinarsi non serve solo a proteggersi ma è un atto di responsabilità sociale in quanto evita di mettere a rischio i soggetti più deboli come anziani e bambini”. Anche il presidente del Kiwanis Jesi Andrea Aquilanti ha rimarcato l’impegno del proprio club nella difesa dei soggetti più deboli, in particolar modo dei bambini, per cui esistono programmi internazionali di tutela e difesa della salute e dei diritti, nell’ottica del miglioramento della qualità della vita: “Ci auguriamo che al convegno partecipino numerosi cittadini – ha detto – L’incontro fornisce l’occasione per recepire le informazioni corrette, quelle giuste, che vorremo diffondere e portare alla conoscenza di tutti”.

Marco Moretti, presidente del Lions Club di Jesi, ha ricordato come nel 2015 circa 50 mila persone nel mondo muoiano di morbillo: “Non potevamo esimerci dal partecipare a questa iniziativa, occorre sensibilizzare il più possibile la popolazione sul tema. A livello internazionale il Club dei Lions è in prima linea nella lotta al morbillo tanto da sostenere progetti umanitari per la sua completa cancellazione entro il 2018. Un progetto analogo vede il Rotary in prima linea nella battaglia per l’eliminazione della poliomielite.

I medici incontreranno i cittadini dunque venerdì prossimo, alle ore 17.00, presso la Sala dei Convegni della Fondazione Colocci. Tra questi ci saranno anche il dott. Daniel Fiacchini, coordinatore del Gruppo tecnico regionale “Vaccini e Stretegie di vaccinazione”, affiancato dal dott. Sergio Cascia, medico di base, e dalla pediatra dott.ssa Arcangela Guerrieri, non solo medici “di trincea” nella sensibilizzazione verso l’uso dei vaccini, ma anche rappresentanti dell’Ordine dei Medici, rispettivamente consigliere e segretaria.

“Le preoccupazioni dei genitori sulle vaccinazioni sono causate prevalentemente da conoscenze apprese dalla rete, basate su pseudoscienze o comunque non basate su evidenze scientifiche – spiega la pediatra Guerrieri – Si è persa la memoria storica di quelle malattie che un tempo facevano paura. Oggi si teme il vaccino: eppure su 9 milioni di vaccini fatti non ci sono stati casi di decesso”. I principali timori dei genitori riguardano la possibilità che il vaccino provochi delle reazioni, in secondo luogo che contenga metalli pesanti nocivi alla salute: “Che al bambino venga somministrato del mercurio è assolutamente falso: il vaccino contiene solo una piccolissima dose di alluminio, una quantità talmente irrilevante da risultare non tossica per l’organismo – dice la dott.ssa Guerrieri – Smentiamo anche la bufala di una possibile correlazione con l’autismo: una vera e propria truffa che ha ingannato genitori e dato pane agli avvocati”.

“Non vaccinarsi significa esporre anziani e bambini al rischio di contrarre malattie che erano sulla strada dell’estinzione – aggiunge il dott. Cascia – Il nostro obiettivo è riportare i tassi di vaccinazione a livelli accettabili, così da garantire la copertura di gregge. L’unica arma che abbiamo per proteggerci dai virus sono i vaccini: una volta contratta la malattia possiamo solo intervenire per contenerne i sintomi”.

La campagna di informazione proseguirà anche sabato 31 ottobre: saranno posizionati infatti alcuni gazebo davanti la Chiesa di San Nicolò, in Corso Matteotti, dove, dalle 8.30 alle 13.00, i medici potranno incontrare i cittadini e rispondere a tutte le loro domande, risolvere dubbi, timori.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.