«Vaccinazioni nei luoghi di lavoro e categorie a maggio-giugno» | Password Magazine

«Vaccinazioni nei luoghi di lavoro e categorie a maggio-giugno»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Vaccinazione nei luoghi di lavoro gratuita e volontaria, nel rispetto delle linee guida del piano vaccinale nazionale.

«Probabilmente solo a maggio-giugno, dopo l’esaurimento della copertura delle persone da 60 a 80 e di tutti i fragili, sarà possibile consegnare direttamente i vaccini nelle fabbriche e alle associazioni che hanno aderito all’Accordo proposto dalla nostra Regione».  Lo spiega l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini in un post su sui social in cui fa anche il punto sulla situazione vaccini, annunciando anche che «è ripartito ieri alle 15 il piano vaccinazione anche con AstraZeneca», anche se un comunicato ufficiale aveva indicato la ripresa per oggi.

«Poche le dosi per le Marche anche nella fornitura di aprile – aggiunge -: 210mila dosi, con richiami per 100mila persone».

In riferimento all’iniziativa avviata dalla Regione Marche per estendere i canali vaccinali nella fase successiva di vaccinazione di massa della popolazione con il coinvolgimento su base volontaria di imprese, categorie economiche e sociali e ordini professionali, la Regione Marche precisa «in una nota che i vaccini sono e resteranno gratuiti per tutti i cittadini e saranno rispettate le linee guida del Ministero della Salute e le categorie prioritarie per le vaccinazioni secondo il piano vaccinale nazionale».

Lo schema di protocollo che la Regione Marche ha proposto alle categorie, rilevata la disponibilità delle stesse a rendersi parte integrante della campagna vaccinale, definisce formalmente il principio di gratuità della vaccinazione per i cittadini e di volontarietà nell’adesione all’iniziativa.
Il protocollo prevede l’adesione volontaria alla rete regionale di vaccinazione con l’obiettivo di estendere i canali vaccinali nella futura fase di vaccinazione di massa, e il principio di auto-organizzazione dei centri vaccinali e delle risorse professionali necessarie e funzionali al perseguimento degli obiettivi vaccinali e al rispetto delle direttive e linee operative della Regione Marche.
Ciò premesso, le categorie, le realtà sociali ed economiche e gli ordini professionali che aderiranno all’accordo si occuperanno autonomamente e con risorse proprie dell’organizzazione e della gestione del punto vaccinale. Questa ulteriore organizzazione «non pregiudicherà la precedenza stabilita nella vaccinazione delle categorie più fragili o di quelle individuate come prioritarie dal piano nazionale. La fase di vaccinazione sui luoghi di lavoro inizierà contestualmente alla fase di vaccinazione di massa della popolazione secondo le linee del piano vaccinale nazionale». La Regione verificherà che i siti vaccinali rispettino le regole di sicurezza per il cittadino previste nelle linee operative disposte nel protocollo d’intesa e garantirà la registrazione dei dati dei vaccini eseguiti sul portale in uso per il piano vaccinale.
Qualsiasi notizia differente o in contrasto con quanto previsto dallo schema di protocollo è da non ritenersi confermata né ufficiale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.