Vaccini covid sospesi per docenti e Ata: preoccupazioni e disagi | Password Magazine

Vaccini covid sospesi per docenti e Ata: preoccupazioni e disagi

Intervista a Lilli Gargamelli, Segretaria regionale della Flc Cgil Marche

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – A seguito dell’ordinanza del 9 aprile del Commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo, il personale scolastico (docenti, ma anche amministrativi, tecnici e ausiliari) non rientrerebbe più tra le categorie con priorità nella somministrazione del vaccino anti-Covid, per dare la precedenza a persone con fragilità, over 80 e, a seguire, alle fasce d’età 70-79 e 60-69.

Cresce la preoccupazione del personale e l’impegno dei sindacati, soprattutto a ridosso del 26 aprile, data di “ripartenza” per molti settori e di riapertura delle scuole in presenza. Un ritorno in classe al 100% in zona gialla e arancione e al 50% in zona rossa per la sola secondaria di II grado (licei e istituti superiori).

Molti docenti e ausiliari già prenotati per la prima dose sono stati informati proprio in questi giorni della sospensione. Racconta a riguardo Antonello Costagliola, docente di matematica e scienze alla Scuola Secondaria di I grado “Podesti” di Ancona: «La sera di venerdì 16 aprile, esattamente una settimana prima della data prevista per la mia prima inoculazione, verso le 21, m’è arrivato un messaggio telefonico dell’Asur informandomi che non me l’avrebbero somministrato». Evidenzia problematiche di efficienza, sottolineando come i docenti siano stati già in passato definiti categoria a rischio: «Non vaccinarmi rappresenta per me un rischio, innanzitutto perché abbiamo ancora davanti un mese e mezzo circa di scuola in presenza. Inoltre si aggiunge, per quanto mi riguarda, anche un problema di tipo organizzativo: sono sardo d’origine e a giugno scadrà per me la possibilità di essere seguito dal medico locale qui nella provincia di Ancona. Dovrò cambiare dottore, facendo riferimento alla regione Sardegna. Per questo speravo di poter essere vaccinato prima di questa scadenza. Riscontro poi un’evidente contraddizione nella gestione della somministrazione: proprio ora che stanno per riaprire la maggior parte delle attività, e le occasioni di incontro saranno maggiori, ci impediscono la possibilità di vaccinarci».

Pronti ad intervenire i sindacati della scuola, per garantire un rientro in sicurezza che non ostacoli ulteriormente l’accesso allo studio e alla socialità di bambini e adolescenti. Riportiamo di seguito la testimonianza di Lilli Gargamelli, Segretaria regionale della Flc Cgil Marche.

Lilli Gargamelli
Lilli Gargamelli, segretaria regionale della Flc Cgil Marche

Sono state sospese delle dosi di vaccino a docenti e personale Ata (amministrativo, tecnico e ausiliario). Quali sono le motivazioni?

«Il governo Draghi ha riportato in ambito nazionale (anziché regionale) i criteri vaccinali, mentre col governo Conte erano affidati alle regioni. Noi del sindacato avevamo chiesto al tavolo del decreto legge 87 che il personale scolastico venisse vaccinato per rispondere prontamente alle esigenze di riapertura. Ora invece la campagna vaccinale individua fasce d’età, privilegiando gli ultra-65enni.  Mi auguro tuttavia che la maggior parte dei docenti sia stata già vaccinata».

Da quale data in poi sono stati sospesi i vaccini per il personale scolastico?

«A partire da lunedì 19 i vaccini non verranno più somministrati in via prioritaria al personale scolastico, docenti e Ata, nemmeno a chi in questa data risulta già prenotato per ricevere la prima dose».

Da quanto le risulta, c’è stata finora una buona adesione da parte del personale scolastico nel richiedere la somministrazione del vaccino?

«Per prenotare la vaccinazione si accedeva attraverso il sito del sistema sanitario online, o tramite sms con Poste italiane. Fino ad oggi è stato un ottimo sistema per chi appartiene al comparto scuola e, dai riscontri ricevuti, c’è stata una buona adesione. Inoltre, insieme al Direttore Generale Marco Ugo Filisetti, su esplicita richiesta di colleghi delle Marche, abbiamo mediato aprendo il vaccino al personale scolastico degli Itf (Istituti Tecnici per le Attività Sociali) e delle Afam (istituzioni riconosciute per l’Alta Formazione Artistica e Musicale), ma anche ai docenti residenti in altre regioni che hanno un incarico in una scuola marchigiana, prima esclusi dalla campagna vaccinale».

Com’è stata comunicata la sospensione del vaccino a chi era già prenotato? E come verrà comunicata da qui in avanti?

«La comunicazione è stata data attraverso sms o direttamente dall’Asur alle persone prenotate. Si proseguirà in questo modo, anche se nel frattempo l’informazione della momentanea sospensione si sta diffondendo anche col passaparola, dunque in molti se lo aspettano».

È stato sospeso il vaccino solo di determinate case farmaceutiche o in tutti i casi?

«Assolutamente no. Per quello che so io non c’è nessuna correlazione con la casa farmaceutica che produce il vaccino».

Per quanto riguarda chi ha già ricevuto la prima dose, verrà inoculata loro anche la seconda?

«Sì, certo, la seconda verrà inoculata a chi ha già ricevuto la prima».

Cosa si sta facendo a livello sindacale per il diritto allo studio e per la tutela della scuola?

«Sappiamo tutti che dal 26 aprile ci sarà una riapertura delle scuole al 100%, tranne nelle zone rosse. Finalmente i ragazzi vengono riportati in aula, perché siamo coscienti del rilevante disagio di natura psicologica che hanno vissuto. Di fatto il recupero degli apprendimenti ha un suo tempo necessario, c’è però anche tutto un tempo perso per quello che attiene le relazioni, la socialità, lo sport, il confronto coi pari. Per questo, nella settimana dal 19 al 25 aprile, ci saranno un incontro dedicato alla revisione dei protocolli del Comitato Tecnico-Scientifico e un confronto con il Ministro Patrizio Bianchi. Al centro verrà messo il bisogno di ripensare tempi e spazi della scuola, legato alla rivalutazione della distanza fisica obbligatoria non più di un metro ma di due metri. Temi prioritari restano la gestione di servizi connessi alla scuola, come trasporti e sistema sanitario, l’autonomia dei dirigenti scolastici nell’organizzazione della presenza al 50, 75 o 100% e in generale la comunicazione delle norme da seguire, già trasmesse al privato, ma non ancora alla scuola pubblica».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.