Vaccini in vacanza: Governo e Regioni a lavoro | Password Magazine

Vaccini in vacanza: Governo e Regioni a lavoro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MILANO Secondo quanto riportato dai principali media italiani, fra cui il Sole 24 Ore, il Governo sta discutendo un fascicolo, proposto a inizio maggio dal Generale Figliuolo, per permettere agli italiani di vaccinarsi in vacanza. Si tratta di una proposta  che permetterebbe sia di agevolare il turismo italiano che di continuare la campagna vaccinale.

Infatti, il motivo di preoccupazione di molti cittadini è che non riescano a prenotare per le vacanze in quanto sprovvisti del ciclo completo di vaccinazione, e che quindi, debbano rinunciare al soggiorno fuori in quanto impegnati con il richiamo o la ricezione della prima dose; dall’altro lato, i presidenti delle Regioni temono il calo delle visite turistiche. proprio per l’assenza delle vaccinazioni. Chi si dovrà vaccinare per la prima volta nelle prossime settimane o, ancora più tardi, a giugno, secondo le istruzioni del piano vaccinale che prevedono il richiamo per una seconda dose dopo 42 giorni, dovrebbe ricevere appunto l’altra iniezione proprio nei periodi più gettonati dell’estate, fra luglio e agosto.

due sorelle
Spiaggia delle due Sorelle (foto tratta da skyscanner.it)

A questo punto, l’ipotesi avanzata da Figliuolo e sostenuta da alcune regioni – come la Lombardia, il Veneto, la Toscana, fra le altre – permetterebbe di creare centri vaccinali in “strutture presso centri montani ed estivi”, come ha spiegato lo stesso Commissario per l’emergenza sanitaria.

I vacanzieri non sarebbero costretti a rinunciare alle vacanze o, più scelleratamente, a saltare la prima dose di vaccino. Inoltre, questo sistema permetterebbe di continuare la campagna vaccinale senza interruzioni o rallentamenti eccessivi. Va ricordato, infatti, che il piano vaccinale prevede di raggiungere l’immunizzazione della popolazione a settembre. Lo stesso Figliuolo aveva dichiarato a febbraio di voler raggiungere in queste settimane il ritmo di mezzo milione di dosi al giorno, e pure se tale cifra non è stata raggiunta sul lungo periodo – ma solo in casi isolati – il ritmo della somministrazione vaccinale è ottimo e lo dimostrano anche gli ultimi dati dei ricoveri.

https://www.instagram.com/p/COzx7byIC-P/

Scetticismo

Sulla possibilità di somministrare dosi anche in vacanza però non tutti sono d’accordo. Fra gli altri, il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, che a Sky Tg 24 ha detto: «Se qualcuno pensa di poter gestire milioni di persone che vanno in vacanza in alcune località turistiche» ha bisogno di «personale per farlo. La regione in cui arrivano” i turisti “non deve avere solo mettere a disposizione dosi ma anche personale. Diventa molto difficile». Un altro punto non indifferente è la necessità della comunicazione sulla situazione vaccinale fra regioni. Se un cittadino riceve la prima dose nelle Marche e la seconda in Liguria, va organizzato un sistema di scambio di informazioni agile. La proposta è sul tavolo e il Governo, per salvare turismo e vacanze, la sta valutando.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.