«Vaccini, mercoledì prenotazioni 40-49. Attesa per la maxi fornitura di 500 mila dosi» | Password Magazine

«Vaccini, mercoledì prenotazioni 40-49. Attesa per la maxi fornitura di 500 mila dosi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Procedono senza intoppi le prenotazioni dei vaccini per la fascia d’età 50-59 anni. Nella prima giornata di ieri, dopo l’apertura alle 12 delle prenotazioni, si sono registrati oltre 43 mila iscritti.

«Mercoledì si replica con 40-49 – fa sapere l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini -. Tuttavia, anche la Regione è in attesa di conoscere i particolari della maxi fornitura di vaccini, di circa 500.000 dosi, prevista dal Commissario covid per il mese di giugno.
Per spiegare le difficoltà di programmazione e organizzazione è necessario sottolineare che le informazioni sui rifornimenti arrivano con circa 10 giorni di anticipo».
Intanto prosegue la vaccinazione dei familiari delle persone disabili che hanno iniziato un percorso di vaccinazione a marzo. «Si trattava e si tratta di coloro che dovevano essere vaccinati poiché accompagnavano i loro cari negli Ospedali per le terapie (es persone trapiantate, in attesa di trapianto e dializzati) e non potevano entrare con il sospetto che potessero essere positivi – spiega Saltamartini -.  Siamo stati tra i primi in assoluto in Italia ad aver avviato questo trattamento. Per questa ragione i familiari o caregiver sono stati organizzati nella linea di vaccinazione come le persone a cui assicurano assistenza e non organizzati nei Palazzetti, bensì trattati dall’Asur che nelle Marche gestisce la maggior parte dei plessi ospedalieri.

Tuttavia la quantità di vaccini importante è arrivata nella nostra Regione ad aprile – 210.000 dosi – e arriverà a maggio con 220.000 sieri.
Ma è evidente che per questa platea il processo di inoculazione richiede tempi più lenti rispetto ai punti di vaccinazione nei Palazzetti».
Saltamartini osserva come i familiari di persone disabili che, solo in questa settimana sono aumentati di 5.000 nuove iscrizioni, continuano a ricevere il vaccino.
«Una settimana fa le persone vaccinate erano 12.000. Questa mattina risultano vaccinati 17.518 familiari – spiega –
Vorrei che si tenesse conto che le Marche sono sempre in testa a livello nazionale tra le prime regioni per efficienza tra dosi ricevute e dosi somministrate (oggi al 4 posto con 1 meno percento).
Sorge il sospetto che alcuni utilizzino questo processo di vaccinazione – che è diverso dagli altri perchè diversa è la condizione delle persone da vaccinare – per intentare un processo politico al sistema.
Le critiche sono il sale della democrazia. Ma solo quando sono fondate su fatti oggettivi.
E in questo momento c’è bisogno di riconoscere il merito di un apparato regionale, quello delle Marche, che se avesse i vaccini sarebbe in grado di inoculare 500.000 vaccini in un solo mese tra palazzetti, medici di famiglia, ospedali, farmacie e punti nelle fabbriche.
Tutto questo lo abbiamo creato con impegno e sacrifici e soprattutto è un merito di un’azione corale che non si riscontra in altre parti d’Italia.
Forse sarà il caso ricordarci che i marchigiani non sono secondi a nessuno».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.