Vallato, baby vandali lanciano sassi contro finestre | | Password Magazine

Vallato, baby vandali lanciano sassi contro finestre

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sassi contro i vetri delle finestre al Parco del Vallato. Si torna a parlare di atti vandalici per opera di ragazzini scatenati, sopratutto minori.

Nel fine settimana, la municipale aveva già beccato degli adolescenti  arrampicarsi sul monumento ai Caduti. Qualche giorno prima, i residenti del Vallato avevano denunciato ai vigili urbani la presenza di giovanissimi nell’area ludica del parco riservata ai bambini.

Stavolta, ad essere prese di mira,  le finestre delle abitazioni che si affacciano sul Vallato, ripetutamente colpite con dei sassi da ragazzini d’età tra i 14 e i 18 anni. Il fatto accedeva lunedì,  scatenando l’indignazione dei residenti scesi in strada pronti a chiamare le forze dell’ordine. Dal vallato, l’azione dei baby vandali spostava poi in via Donatori di Sangue: «Un uomo che stava guardando in casa la televisione, è stato colpito fortunatamente senza gravi conseguenze – è il fatto denunciato da Damiano Paoletti, residente e presidente del Comitato Parco del Vallato-Via del Molino – Hanno poi continuato con il lancio dei sassi in via delle Setaiole prendendo di mira le stesse abitazioni ma dal lato opposto». Paoletti chiede sicurezza per il quartiere: «Questa zona sta diventando un far west: è chiaro che in una certa zona del parco avvengono loschi traffici, in altre zone vandalismo e teppismo la fanno da padrona. Diversi gli episodi in cui ragazze o donne sono state fatte oggetto di molestie verbali e, in almeno un paio di casi, anche tentativi di molestie fisiche. Noi abbiamo paura, anche di scendere dal centro utilizzando l’ascensore».  

L’Amministrazione comunale ha previsto in questa zona l’installazione di  dispositivi di videosorveglianza che, insieme ad un intervento di potenziamento della pubblica illuminazione, serviranno a contrastare i denunciati fenomeni di vandalismo o spaccio e a garantire la sicurezza per i frequentatori e residenti del quartiere.  

«Ma ancora non si vedono – dice Paoletti – La popolazione è stanca e non è più disposta a subire questa attuazione».

Sulla questione, interviene anche la consigliera comunale Silvia Gregori, recentemente uscita dalla Lega ma sempre sensibile sul tema della sicurezza. Anche lei è membro del comitato di quartiere ed ha già preso contatti con le forze dell’ordine per segnalare il disagio: «Il cittadino non deve farsi giustizia da solo. Solleciterò un altro incontro con il Prefetto Antonio D’Acunto e credo che anche il sindaco Bacci sia disponibile a dare il suo contributo sul piano della sicurezza per chiedere rinforzi e disponibilità economiche da impegnare in tal senso».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.