Vallesina, artigianato in "panne" | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Vallesina, artigianato in “panne”

In foto: Giuseppe Carancini – © Redazione Password

VALLESINA – Gli artigiani della Vallesina chiedono interventi concreti a supporto delle imprese. Ancora si fatica a intravedere la ripresa e le difficoltà sono quelle di sempre – dichiara Giuseppe Carancini, Segretario Confartigianato Jesi –  accesso al credito limitato, scarsa liquidità, tasse e burocrazia, fattori che, oltre a determinare purtroppo in molti casi la chiusura di diverse attività, in altri scoraggiano l’apertura di nuove.

Così, a oggi, riscontriamo che in un anno si è verificata una leggera flessione delle iscrizioni d’impresa, mentre sarebbe stata auspicabile una tendenza diversa.

Secondo le elaborazione dell’Ufficio Studi della Confartigianato su dati Movimprese e Ufficio Statistico CCIAA di Ancona nel primo semestre dell’anno in Vallesina hanno aperto 31 attività artigiane, altrettante hanno chiuso i battenti. Difficoltà soprattutto per i settori delle costruzioni (-6) e del manifatturiero (-2). Un anno fa, al 30 giugno 2014, si erano verificate più iscrizioni (41), 29 le cessazioni per un saldo positivo a +12.

Una fotografia come questa ci induce a riflettere sulla necessità che vengano messe in campo delle misure di sostegno alla micro e piccola impresa – continua il Segretario Confartigianato Jesi Carancini – che comprendano tutte le fasi delle vita di una attività: dalla creazione allo sviluppo, per tutelare le aziende attive e per incoraggiare l’iniziativa imprenditoriale, fino al passaggio generazionale, fenomeno che, nell’’arco di dieci anni, coinvolgerà nelle Marche una impresa su quattro (25,2%). Il “capitale umano” è un valore fondamentale per la piccola impresa, che tramanda le competenze di padre in figlio e investe in formazione per le nuove leve.

Secondo l’analisi dell’Ufficio Studi Confartigianato Marche su dati Istat, tra il 2006 e il 2011 sono state 1.815 le micro imprese a conduzione familiare marchigiane interessate da almeno un passaggio generazionale, 3.934 quelle lo prevedono entro il 2016 per un totale di 5.749 imprese coinvolte in un decennio.

Il passaggio generazionale è un vettore di rilievo nella trasmissione di competenze, know how e capitale umano nelle imprese – continua Carancini della Confartigianato – inoltre, espone la struttura produttiva alle opportunità connesse con l’ingresso in azienda di risorse più giovani, maggiormente scolarizzate, con una più alta propensione all’utilizzo delle tecnologie e con una maggiore vocazione al rischio e all’innovazione.

La Vallesina è una terra ricca di creatività e la voglia di fare impresa c’è, spesso tramandata da generazioni nel caso delle tante imprese storiche attive, e in chi sceglie di intraprendere un percorso imprenditoriale. Questa iniziativa – conclude Giuseppe Carancini, Segretario Confartigianato Jesi  – è però frenata da troppe tasse e tanta burocrazia. Chiediamo alle Istituzioni risposte concrete nell’obiettivo di favorire la ripresa e far ripartire artigianato  e piccole imprese.

Comunicato: Confartigianato

Foto: L’immagine è di proprietà della redazione di Password. La citazione del nome dell’autore o della fonte è obbligatoria per legge in qualsiasi utilizzo delle immagini (art. 20 legge 633/41)

Comunicato da: Confartigianato Jesi e Vallesina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.