Vandali ai giardini, distrutte anche una decina di panchine | | Password Magazine

Vandali ai giardini, distrutte anche una decina di panchine

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo le zanzare al Carlo Urbani, ci mancavano i vandali ai giardini pubblici in questa calda estate 2017.

Presa d’assedio anche la zona antistadio, con i cestini ancora divelti, quasi fossero stati strapiantati dal terreno a suon di calci. Dall’altro lato di Viale Cavallotti c’è poi il monumento ai caduti, che piange senza più la sua corona d’alloro, finita nelle mani di baby teppisti del mercoledì sera,  come documentato dal video postato e commentato dal sindaco Bacci sui social.

Ma non è finita qui: facendo un ulteriore giro di perlustrazione, in fondo, nella parte confinante con via Staffolo, si notano almeno una decina di panchine parzialmente o totalmente distrutte, quasi che qualcuno si sia divertito a togliere via via le assi di legno.

Episodi simili si erano verificati anche nel 2014 e nel 2015, tanto che Bacci anche allora denunciò pubblicamente l’episodio sui social, valutando l’ipotesi di installare telecamere di videosorveglianza. E di ripartire dalle scuole, dalla sensibilizzazione dei più giovani alla cosa pubblica. Chissà che la decisione del sindaco di istituire nella nuova Giunta un Assessorato, guidato da Marisa Campanelli,  dedicato specificatamente ai giovani non possa davvero cambiare qualcosa nei giovanissimi. Consapevole che l’educazione e la condivisione rappresentano l’ unico vero “repellente” contro il vandalismo.

A cura di Chiara Cascio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.