Vecchi sapori di autunno

Il 18-19-20 novembre 2011, a Belvedere Ostrense, in provincia di Ancona, si terrà la 15° edizione della manifestazione “Vecchi Sapori d’Autunno – nelle antiche taverne”.

“Vecchi Sapori d’Autunno” rappresenta l’essenza stessa di questo piccolo paese immerso nelle colline marchigiane e situato a metà strada tra Jesi e la costa adriatica. La manifestazione si svolge tutta nel centro storico del borgo medievale e ha come protagoniste le antiche taverne (aperte anche domenica a pranzo) ricavate all’interno delle mura castellane risalenti al 1400. Il tema principale della festa è la riscoperta degli antichi piatti caratteristici della tradizione contadina. “Vecchi Sapori d’Autunno” è organizzata dalla Proloco locale con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, ma soprattutto e cosa molto importante per far capire la vitalità del paese, grazie alla collaborazione di tutte le Associazioni belvederesi che in maniera autonoma o associate tra loro, gestiscono e organizzano una taverna.

Il visitatore, dunque, che si rechi a Belvedere durante questo weekend (sempre il terzo fine settimana di novembre), può scegliere tra i menu caratteristici delle 16 taverne che sono situate nelle viuzze del paese, per un totale di quasi 1000 posti tavola. Può dilettarsi tra piatti tipici ormai scomparsi come le chicchette della nonna (gnocchetti aromatizzati), cresce di polenta o coi grasselli, vincisgrassi, stoccafisso all’anconetana, polenta al forno, salsicce al vino rosso il tutto annaffiato dai vini doc della zona come la Lacrima di Morro d’Alba, il Verdicchio dei castelli di Jesi e il vino Novello (un vino con una fermentazione particolare, che inizia a essere commercializzato solo nei primi giorni del mese di novembre).

Protagonista della manifestazione, durante tutti e tre i giorni, sarà la musica popolare marchigiana. Ogni sera, vi saranno gruppi di stornellisti e cantastorie, che accompagnandosi con fisarmoniche, organetti e strumenti tradizionali (quali il “tamburello marchigiano” presente nelle Marche in 40 versioni diverse, la “raganella” che prende il nome dal suo suono gracchiante che ricorda la ranocchia, il “pugnettò” ricavato con un secchio e una canna) passeranno per le vie del paese e per le taverne, esibendosi in brevi concertini improvvisati con cori e stornelli personalizzati che prevedono il coinvolgimento del pubblico.

A completare il quadro della manifestazione, in piazza San Pietro, piazza Leopardi e Largo Tosi, numerosi artigiani e agricoltori, attraverso l’esposizione delle loro abilità manuali, dei loro lavori e dei loro prodotti, saranno protagonisti della realizzazione di un Mercatino Artigianale Tipico.

L’ingresso alla festa è del tutto gratuito, come gratuito è il parcheggio ampio situato a 800 mt dalla festa e collegato da un servizio di bus navetta.

 

Comunicato da Pro Loco di Belvedere Ostrense

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*