Venticinque anni di servizio per IOM Jesi e Vallesina: «Oltre 6500 famiglie assistite» - Password Magazine

Festival Pergolesi

Venticinque anni di servizio per IOM Jesi e Vallesina: «Oltre 6500 famiglie assistite»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Venticinque anni di attività, oltre 6 mila famiglie assistite. Sono i numeri di IOM Jesi e Vallesina, l’associazione che offre assistenza ai malati oncologici e che sabato scorso, nella cornice del ristorante Erard, a Montecarotto ha festeggiato il suo primo quarto di secolo di servizio tra impegno, solidarietà e risultati raggiunti.

Circa 300 mila chilometri percorsi, 6577 pazienti trattati a domicilio, 50 volontari, 535 soci, 226800 accessi presso il domicilio, 34815 prestazioni medico-infermieristiche a domicilio, 7 auto attrezzate: «Siamo cresciuti per assicurare tale conforto a quante più famiglie possibile, gratuitamente, cercando di migliorare costantemente la qualità del nostro lavoro – sono le parole della presidente Anna Quaglieri -. Ciò che ci spinge nella quotidianità è il legame che si crea tra noi IOM e le persone. Un rapporto forte ed intenso costruito sull’amore, sulla fiducia, sul rispetto e sulla riconoscenza».

Lo IOM è una macchina che produce solidarietà e dona speranza, come ha sottolineato il direttore responsabile di IOM Marialuisa Quaglieri: «La bellezza è trovare soluzioni nuove per aiutare qualcuno – aggiunge -. Noi portiamo speranza nelle case, nessuno sarà mai lasciato solo. In qualunque momento, chi ha bisogno di noi ci siamo». Questo è il filo rosso della speranza capace di unire un gruppo di persone che, da 25 anni, si impegnano a distribuire conforto e amore: «Dietro lo IOM c’è una comunità, un territorio e molti degli amici che ci hanno sempre sostenuto – conclude -. La festa di sabato è stata in realtà un modo di celebrare non solo un traguardo importante ma anche di ringraziare tutti coloro che in qualsiasi modo hanno creduto in noi e continuano a farlo»

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.