La città verso il voto: cosa c’è da sapere

JESI – Domenica prossima a Jesi, dalle 7 alle 23, apriranno le urne. Si potrà scegliere: il candidato sindaco tra sei scelte, la lista tra le undici possibili e due consiglieri comunali (non dello stesso sesso ma rigorosamente un uomo e una donna). Ogni cittadino potrà votare solo nel caso in cui la propria tessera elettorale presenti almeno uno spazio vuoto (se terminato ci si potrà recare sin d’ora a richiedere  una nuova tessera elettorale) e presentando un documento di riconoscimento. Si potrà votare tracciando un segno solo sul nominativo del candidato a sindaco, senza segnare nessuna lista, esprimendo così un voto valido solo per il sindaco. Ma si potrà anche tracciare un segno sul simbolo di una delle liste poste sotto il nominativo del candidato a sindaco, esprimendo così un voto valido sia per il sindaco che per la lista prescelta. Si potrà poi indicare anche una preferenza ad un candidato delle lista, scrivendo nome e cognome (o solo il cognome: ma attenzione alle omonimie!) del candidato consigliere sulla riga alla destra di ogni simbolo di lista a cui appartiene quel consigliere. In caso di due preferenze le due scelte dovranno necessariamente riguardare candidati di sesso diverso («preferenza di genere»), pena l’annullamento della seconda. Ma è ammesso anche il voto disgiunto tracciando un segno sul nominativo del candidato alla carica di sindaco e un altro segno sul simbolo di una lista non collegata al nominativo del sindaco prescelto. In questo caso il voto andrà sia al sindaco prescelto che alla lista anche se non collegata. Lo scrutinio partirà alle 23, ma si conoscerà il nome del futuro sindaco solo a notte fonda, o in caso di mancato raggiungimento del 50% più uno dei voti, dei due candidati sindaci che andranno al ballottaggio il 25 giugno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.