Vetrine a pezzi e furti, è caccia alla banda di ladri | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Vetrine a pezzi e furti, è caccia alla banda di ladri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Le telecamere interne dell’Hemingway Café potrebbero segnare un punto di svolta nell’individuare il colpevole del furto con vetrina rotta ai danni del locale, all’alba di domenica scorsa. Erano circa le 6 quando, dalle immagini, si vede un giovane insinuarsi all’interno, dopo aver spaccato il vetro della porta. Ha arraffato il denaro presente nel fondocassa – poche centinaia di euro – per poi fuggire.

Al vaglio del Commissariato anche le tracce lasciate dal malvivente sul registratore di cassa.

Non si tratta di Ahmed  Altorok, il 19enne  di origine giordana dichiarato in arresto dai Carabinieri guidati dal Magg. Benedetto Iurlaro perché colto nella flagranza di reato alle 05,30 di sabato mattina mentre si aggirava, con fare sospetto e le mani insanguinate, in viale Trieste, ove poco prima era stato perpetrato un furto al negozio Fotografo Giaccaglini.

Nel caso dell’Hemingwway potrebbe trattarsi di un membro della stessa “banda” che nella notte tra venerdì e sabato avrebbe mandato in frantumi le vetrine di sei negozi tra Jesi e Monsano, incassando circa 3 mila euro di bottino. Un gruppo di malviventi che, non soddisfatto,  la notte successiva avrebbe sfondato con una pietra la vetrina del negozio di acconciature del Centro commerciale il Torrione, rubando appena 15 euro. Purtroppo, in questo caso, sono state di poco aiuto le immagini riprese dalle telecamere del circuito di sicurezza, installate tra porta Valle e il centro commerciale.

Tra i commercianti, intanto, si fanno strada paura e preoccupazione: “In 33 anni di onorata carriera il negozio ha subito 2 furti i quali negli ultimi 3 anni: i tempi sono cambiati – ha dichiarato il fotografo Flavio Giaccaglini – I miei ringraziamenti vanno ai Carabinieri di Jesi che tempestivamente hanno acciuffato il delinquente (con precedenti “di tutto rispetto”) restituendomi la refurtiva ed a tutti i cittadini jesini per il loro sostegno”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.