Via al piano di contenimento dei piccioni | Password Magazine
Festival Pergolesi

Via al piano di contenimento dei piccioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tra i primi comuni della regione, Jesi si è ufficialmente dotata del piano di gestione della popolazione dei piccioni. Lo ha fatto contestualmente al piano provinciale che si ispira sulle stesse linee guida e su cui si orienterà l’attività degli altri comuni con le medesime problematiche.

Il piano è stato approvato dalla Giunta comunale nella sua ultima seduta, provvedimento che dà di fatto il via libera ad un programma triennale con  l’obiettivo di contenere il numero dei piccioni presente in città. Un problema segnalato da tempo, con ripercussioni sia igieniche che sanitarie, ma su cui mai si era incisivamente intervenuti – anche a causa di una legislazione contraddittoria – e che da qui al 2015 vuole riportare la situazione alla normalità.

A fronte dei 350 piccioni per chilometro quadrato indicato dall’Istituto Superiore di Protezione Ambientale (Ispra) come compatibile, il monitoraggio effettuato da Jesiservizi nella nostra città indica un numero pari addirittura a 2300 capi a chilometro quadrato a fine 2012, a fronte dei 1800 dell’anno precedente. Lo screening igienico-samitario effettuato su un campione della popolazione ha inoltre evidenziato una situazione di rischio igienico-sanitario per i cittadini in particolar modo per i soggetti più sensibili come bambini, anziani ed immunodepressi.

Sulla base di questi risultati la Giunta ha affidato a Jesiservizi il compito di gestire l’attuazione del piano che prevede catture selettive con particolari voliere che saranno installate in varie parti della città, in particolare nel centro storico e nelle altre aree dove è maggiore la concentrazione dei piccioni.

Il piano del Comune di Jesi è la conclusione di un percorso che ha visto il pieno coinvolgimento di tutti gli organismi di controllo: oltre all’Ispra, l’Istituto Zooprofilattico, l’Asur, la Provincia di Ancona ed amministrazioni pubbliche che hanno già effettuato esperienze simili. Questo perché le normative in materia sono particolarmente complesse e solo un lavoro in piena sinergia può consentire di individuare le soluzioni migliorie. Il piano, come detto, si sviluppa su tre anni e sarà sottoposto a verifica ogni sei mesi per monitorare sia l’attività svolta sia il numero di piccioni presenti prevedendo quindi un’attività di rendicontazione tecnica all’Ispra.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.