Viaggio nella nostra Storia, torna la rassegna del CTG Vallesina | Password Magazine

Viaggio nella nostra Storia, torna la rassegna del CTG Vallesina

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto Stefano Corinaldesi e Carlo Bellocchi del Ctg Vallesina, coordinatori della rassegna. 

JESI – Tre serate a tema, per un tuffo nel passato, nella vita sul territorio in epoche ben determinate. Torna la rassegna Viaggio nella nostra Storia organizzata e promossa dal Centro Turistico Giovanile Vallesina dedicato alla riscoperta dei personaggi e dei luoghi che hanno caratterizzato Jesi e la Vallesina nel corso dei secoli.

Come nelle precedenti edizioni, il ciclo di incontri ripropone la stessa formula: tre serate a tema, per un tuffo nel passato, nella vita sul territorio in epoche ben determinate, cercando di coprire il più vasto arco temporale e mettendo in relazione gli avvenimenti locali con lo scenario nazionale ed internazionale. Infine un quarto incontro sarà dedicato alla visita guidata di un luogo che sia rappresentativo dal punto di vista storico.

Conformemente allo stile che caratterizza le altre rassegne del CTG, anche in questo progetto viene offerto gratuitamente a tutta la cittadinanza un servizio molto apprezzato dal pubblico, grazie sia al lavoro svolto dal Comitato Scientifico del CTG, sia alla collaborazione con altre associazioni locali, concretizzando il concetto di fare rete.

La rassegna 2020, che vanta il patrocinio del Comune di Jesi, è realizzata in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi che mette a disposizione i propri prestigiosi locali, la Scuola Musicale G.B. Pergolesi con la sezione teatro, i Quaderni Storici Esini e Elainegfilm.

Ad illustrare il cartellone, stamani in conferenza stampa, i coordinatori del comitato scientifico del CTG Carlo Bellocchi e Stefano Corinaldesi insieme all’assessore alla Cultura Luca Butini.

«Un vero appuntamento con la storia e in presenza» ha detto l’assessore Butini, ricordando come il ciclo di incontri già illustrato a febbraio era stato interrotto a causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19. «Un cartellone di valore che abbiamo voluto recuperare – ha detto Stefano Corinaldesi del CTG -. Siamo già a lavoro comunque con nuove idee pronte per la prossima edizione».

Gli incontri si svolgeranno a Palazzo Bisaccioni, a Jesi, con inizio sabato 17 ottobre alle ore 17. Il primo appuntamento si aprirà con la relazione della dott.ssa Francesca Bartolacci dell’Università di Macerata, che illustrerà il tema delle donne religiose della Vallesina nel Medioevo, con delle novità emerse grazie agli studi di genere.

Sabato 24 ottobre alle ore 17 sarà la volta del Dott. Riccardo Piccioni, docente di storia contemporanea all’Università di Macerata e membro del Comitato Scientifico del CTG, che ci parlerà della mobilitazione militare e politica degli jesini nello Stato Pontificio del 1831.

Sabato 31 ottobre alle ore 17 proseguirà il Prof. Gabriele Bevilacqua, docente di religione all’IPSIA Pieralisi, che proporrà un inedito lavoro al confine tra storia e cronaca su Armando Ginesi e la sua concezione dell’arte.

Ogni incontro introdurrà l’epoca trattata con la musica della Scuola Musicale G.B. Pergolesi, mentre al termine saranno proiettati i filmati di un grande testimone della storia e del costume locale: Geniale Olivieri.

Infine domenica 8 novembre alle ore 10, la rassegna passerà dalla teoria alla pratica con la visita guidata gratuita dello splendido Palazzo della Signoria e delle meraviglie ivi conservate, con particolare riguardo al Fondo Colocci Vespucci e focus sui documenti relativi all’umanista, politico e filologo Angelo Colocci, mecenate di quel Raffaello di cui cade quest’anno il cinquecentesimo anniversario della morte.  Inoltre sarà possibile effettuare anche la visita guidata del Palazzo Bisaccioni con le sue Sale Museali.

Obbligatorio prenotarsi durante le serate in quanto, causa covid, non sono ammessi più di 50 partecipanti. 

L’ingresso agli incontri è libero e posti anche in questo caso limitati (circa 50) con piano d’accesso e misure di prevenzione in base alle disposizioni anti Covid-19 vigenti; obbligatorio indossare la mascherina. «Ci auguriamo – dicono gli organizzatori – di rinnovare anche quest’anno l’apprezzamento del pubblico riscontrato nelle passate edizioni».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.