Viale Trieste, 12 tigli in via di abbattimento: mobilitazione di protesta | Password Magazine

Festival Pergolesi

Viale Trieste, 12 tigli in via di abbattimento: mobilitazione di protesta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  «Dodici tigli verranno abbattuti in viale Trieste, in pratica buona parte degli alberi che arrivano dalla rotatoria alla stazione ferroviaria». Jesi in Comune, gruppo consiliare all’opposizione, punta il dito contro la l’Amministrazione comunale: «Pubblica incolumità è il motivo agli atti del Comune di Jesi, il motivo che sempre si legge quando si parla di abbattimenti. La ripiantumazione, stando alla determinazione, non è prevista anche perché “Ai sensi della L.R. n.6/2005 così come modificata dalla L.R.M 3/2014, l’obbligo di compensazione non è previsto nei casi di abbattimento per motivi di pubblica e privata incolumità. Fermo restando che tagliare un albero significa far sparire tutta la sua biodiversità, tagliare un albero non è uguale a piantarne due

E aggiunge: «Lo abbiamo visto al Campo Boario, dodici pini abbattuti, altri otto pini abbattuti a Largo Cordai, per non parlare di quelli in via Mugnai per far spazio alla torre Erap di cui resta solo lo scheletro, e per i quali il Comune di Jesi era stato anche multato dal Corpo forestale. Poiché seguiamo la vicenda da tempo (la segnalazione degli alberi abbattuti in via Mugnai è del nostro consigliere Samuele Animali), già conosciamo la risposta: ‘Abbiamo ripiantumato 500 alberi’, peccato che alcuni di questi si siano già seccati proprio perché senza manutenzione. Li potete vedere nel giardino della Scuola Martiri della Libertà, lato via Asiago, chiusa per lavori dal 2018. E’ ovvio che se la manutenzione manca alla fine la soluzione è abbattere».

Dai cartelli affissi in viale Trieste, i lavori inizieranno domani, alle 7.30. Ecco perché, già da questo pomeriggio, alle 15.30, ci sarà in viale Trieste una mobilitazione spontanea di cittadini per condividere idee e azioni, aprendo al dialogo verso soluzioni alternative.

«Chiediamo al Comune – conclude Jesi in Comune – che venga resa subito pubblica la perizia che evidenzia la malattia delle piante. Inoltre riteniamo più che necessario richiedere un parere esterno per cercare una soluzione alternativa all’abbattimento. Molti cittadini hanno intenzione di mobilitarsi per evitare l’abbattimento, una forma di protesta che appoggiamo perché non si possono abbattere alberi tra l’altro in una zona storica della città, senza chiari e condivisi motivi». (Leggi la replica dei gruppi di maggioranza Jesiamo, Jesinsieme e Patto x Jesi)
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.