Vicenda Banca Marche, le responsabilità individuate dalla Commissione consiliare | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Vicenda Banca Marche, le responsabilità individuate dalla Commissione consiliare

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è svolta il 28 giugno scorso l’ultima seduta della Commissione di StudioBanca delle Marche”, conclusiva dei lavori, dopo le precedenti 15 riunioni in cui sono stati sentiti diversi interlocutori, circa una ventina, tra persone e realtà a vario titolo interessate e coinvolte dalla vicenda, ed acquisiti molti interessanti ed utili documenti. In tale occasione, è stata approvata la relazione definitiva, poi sottoscritta dal presidente della Commissione Daniele Massaccesi e dal vice presidente Massimo Gianangeli e depositata agli atti del Comune: la stessa verrà sottoposta, per una doverosa “presa d’atto”, al Consiglio Comunale di Jesi nella seduta del 21 luglio ed è stata pubblicamente presentata stamani alla stampa.

“Intenzione della Commissione era far parlare i documenti e gli atti acquisiti e comunque disponibili, pure se contrastati fra loro: l’importante era avere e confrontare anche tutte le diverse tesi, senza pregiudizi o preconcetti per poi giungere a conclusioni su quanto sentito, letto ed esaminato – ha detto il presidente Massaccesi – Alcuni documenti sono risultati fondamentali per far luce su lacunosità riscontrate, sui vari “detto/non detto”, “fatto/non fatto” che hanno in qualche modo permeato la vicenda e i comportamenti di molti attori”.

Sono pervenuti contributi scritti da parte di Bankitalia, avv. Michele Ambrosini, Dr. Federico Tardioli, organizzazioni sindacali dei dipendenti bancari. Non hanno accolto l’invito a partecipare e ad essere ascoltati, anche se più volte reiterato, il presidente del Consiglio Matteo Renzi, il Ministro delle Finanze, Banca d’Italia, Consob, i presidenti di altre Fondazioni, alcuni rappresentati della Fondazione Carisj, i presidenti ed i vice presidenti del Consiglio di Amministrazione Banca della Marche – pre Commissariamento.

Nell’individuare i responsabili di una vicenda che ha ridotto sul lastrico circa 40 mila azionisti e obbligazionisti, la relazione finale redatta dalla Commissione parla di responsabilità diffusa: “Ciò non vuol dire però diluita, cercando di alleggerire o sminuire, frazionandola o suddividendola fra più soggetti – precisa Massaccessi – Non è come dire che la colpa è di tutti e di nessuno. Quanto contenuto nella relazione ha bensì evidenziato che, oltre al fatto di trovarsi di fronte ad una responsabilità di sistema, rivelatosi fragile e fallace, le responsabilità – ben precise nella gestione e nella conduzione della Banca – per alcuni anni, sono dirette e che, dunque, dovranno essere accertate nelle sedi competenti”.

Insomma, chi doveva vigilare non ha vigilato, tra un susseguirsi di silenzi, di mancati approfondimenti, di ritenute o apparenti omissioni che ci sono stati da parte di organi esterni ed interni. Molte cose scritte o dette solamente “fra le righe”, con linguaggio cauto e “felpato”, e poi “disattenzioni” dei vecchi e maggiori azionisti, gravi lacune nei controlli dei bilanci mentre Banca Marche continuava a distribuire grandi dividendi: ci si chiede allora chi, tra i vari protagonisti di tale vicenda, ne sia stato complice o chi semplicemente è colpevole di negligenza.

In particolare, tra i vari documenti presi in esame, la Commissione ha trovato interessante uno scambio di comunicazioni tra Banca d’Italia, Banca Marche e Consob: se infatti, in una lettera del 28-12-2011 Banca d’Italia rassicurava Consob sulla situazione, parlando di criticità – non gravi – presenti e di iniziative messe in atto da Banca Marche per rimuoverle, di contro, nel giro di una decina di giorni, la stessa ne scriveva un’altra a Banca Marche portando all’attenzione diffuse carenze di gestione e lacune nei sistemi di controllo, chiedendo all’istituto di credito cosa intendesse fare per risolverle.

“Come è possibile che siano state date, nel giro di pochi giorni, comunicazioni così diverse? – si interroga il vice presidente della Commissione Massimo Gianangeli – La relazione dimostra che questa situazione è stata causata da un sistema pernicioso eppure chi era all’interno dei vari organi di indirizzo ha dichiarato di non essersi mai accorto di nulla. Gli studi condotti da questa Commissione sono stati  effettuati con la massima trasparenza, con tanto di sedute riprese e trasmesse in streaming in cui, sotto agli occhi di tutti, personaggi di rilevanza indubbia nella vicenda hanno risposto in diretta di non sapere nulla o hanno addotto argomentazioni non supportabili”.

Prese in esame anche le responsabilità delle Fondazioni Cassa di Risparmio, con analisi degli errori fatti, o ritenuti tali, e l’invito a trarne le conseguenze: come è possibile che nessuno abbia notato le anomalie nei bilanci che, già nel 2012, da un + 40mila euro nel primo semestre si chiudeva con una perdita di 500 mila euro a fine anno?

Nella parte finale della relazione c’è un invito rivolto alla Magistratura competente penale, un richiamo a fare attenzione alla possibile prescrizione per i reati ravvisabili nei fatti a vario titolo da addebitare, che se non impedita, costituirebbe una ulteriore drammatica beffa per tutti i danneggiati. D’altra parte, la Commissione si impegnerà ad inviare tali studi alla Procura della Repubblica, nell’auspicio che possa rivelarsi utile, unitamente al contributo della Commissione regionale che si è avvalsa di consulenti esterni per fare più che altro un’analisi macroeconomica, nazionale e del territorio,  con una lettura interessante della vicenda senza prendere però in esame verbali e documenti di questo genere.

“Rileggete la storia di questa maggioranza, prestate attenzione a come si sia mossa nei confronti di questa vicenda: siamo gli unici Amministratori ad aver avviato una Commissione d’indagine per approfondire questi aspetti – ha concluso il sindaco Massimo Bacci – Il frutto è un ottimo lavoro che andrebbe pubblicato e spiegato, raccontato pubblicamente in qualche assemblea pubblica. Lo scopo è far conoscere quello che è accaduto. Complimenti a tutti i componenti della Commissione per questo risultato raggiunto”.

Chi.Ca.

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.