“Vicini” grandi interpreti per un cortometraggio jesino da sostenere con il crowdfunding

 

JESI – “Vicini”, il film diretto da Federica Biondi, ispirato a un racconto di Francesca Tilio
sarà girato a Jesi e racconta una storia realmente accaduta e che ancora accadrà, ripetutamente, ogni volta che una donna non rinuncerà ad essere accondiscendente, perché incapace di dire “no”, addomesticata ed educata ad essere una brava bambina.

Questo film racconta di una ribellione mancata. Questo film svela un segreto di molti di noi. Questo film deve essere realizzato perché è voce per un inno alla ribellione e cerca un coro multiforme e multigenere. Il progetto vuole sollevare non esclusivamente voci femminili ma di tutti coloro che sono stati educati ad assecondare sempre, ai quali non è stata concessa una libertà di reazione o di diniego o semplicemente una possibilità di opinione, tutte le voci soffocate e tutti coloro che sono stati indotti a reprimere l’idea più autentica di se stessi.

Tutti coloro che hanno manifestato coinvolgimento in questo progetto, i fantastici membri della troupe e del cast che ci hanno detto “sì”, sono testimoni di una necessità e di una potenzialità. E per noi è delicata la responsabilità di trasferire questa storia. Ce ne prendiamo l’onere perché un po’ l’abbiamo vissuta e un po’ la vediamo vivere attraverso gli altri. La storia che racconteremo ha la capacità di indagare la questione dei rapporti all’interno dei nuclei che la società crea, sottoponendola a un’analisi che ha l’obiettivo di eliminare i commenti troppo rapidi, il facile giudizio che è poi tra i motivi per cui certe situazioni di violenza o intolleranza continuano a ripetersi senza fine.  Cambiando la causa, cambia anche l’effetto.

 

Per sostenere il progetto è stata aperta una campagna di crowdfunding che potete trovare a questo LINK 

DOVE VOGLIAMO ARRIVARE

Questo cortometraggio vuole lasciare tramortito ogni tentativo di pregiudizio: se da un lato può sembrare il racconto di una violenza di genere, dall’altro riuscirà a trattenere il focus dell’osservazione sulle 4 personalità che costruiscono una storia inquietante, che sarà trattata con eleganza polverosa dalla trasposizione cinematografica. Qui dentro, i quattro protagonisti appaiono in forte contrasto nell’esposizione dei propri desideri e dei propri traumi eppure si ritrovano tutti legati da un’inettitudine irrecuperabile, inconsapevole da sembrare malattia, fino a nuocersi a vicenda.

GLI INTERPRETI

Sono tra gli interpreti del cinema italiano più apprezzati del momento e siamo orgogliosi che abbiano abbracciato con grande entusiasmo questo progetto per dare vita a una storia tanto folle quanto vera.

Hanno letto la sceneggiatura e visto le location, commentando così: “Storia delicatissima e ipnotica… raccontata con grande sensibilità… è ricca di bellezza… ha il sapore dei migliori film francesi… le location sono perfette, basterà poggiarci i corpi, sono dei dipinti…”.

Loro sono:

Fabrizio Ferracane, nomination al David di Donatello, nomination ai Nastri d’Argento e Globo d’Oro aggiudicato come miglior attore protagonista per “Anime Nere”, film in concorso al 71′ Festival di Venezia e quest’anno, con “Après la guerre” di  Annarita Zambrano, sarà in concorso al Festival di Cannes. Anche nel cast di “Malena” e in serie tv quali “Il Commissario Montalbano”, “Il capo dei capi”, “Squadra antimafia”.

Barbara Ronchi, Premio Alida Valli al Biff 2017, Premio AGIS Vincenzo Cerami miglior attrice teatrale under 35. “Fai bei sogni” di Marco Bellocchio, presentato alla Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2016, l’ha definitivamente consacrata nell’olimpo delle migliori attrici italiane.

Fabrizia Sacchi, nomination al David di Donatello come miglior attrice non protagonista per “Viaggio sola” di Maria Sole Tognazzi e sempre al fianco di grandi registi di cinema e teatro. E’ anche nel cast, tra tanti altri titoli, di “La prima cosa bella” di Paolo Virzì, “Nel Continente Nero” di Marco Risi, “Da Zero a Dieci” di Luciano Ligabue.

Francesco La Mantia, splendido talento del teatro e del cinema italiano, è nel cast di Felicia Impastato, film tv con oltre 6 milioni di spettatori.

LA STORIA

Quattro persone, due coppie. Quattro corpi che si incontrano in una casa per condividere spazi, spese e altri eccessi, alcuni molto intimi, timidi, vergognosi eppure traboccanti, incapaci di trattenersi nei confini del pudore. Quattro corpi in balìa dei pieni e dei vuoti della loro mente, dove il dialogo non è trasferimento ma suono sformato e deformante. Quattro personaggi in fuga dalla vita e da ciò che di essa non si è capaci di accettare.

Una ragazza di circa trent’anni, Claudia, disoccupata, vive con il suo fidanzato all’interno di una villa decadente. Il Signor… e la Signora… sono una misteriosa coppia di cinquantenni che ha subaffittato ai ragazzi una stanza all’interno della loro casa, dove bagno e cucina sono in condivisione. L’uomo e la ragazza si ritrovano spesso soli in casa e giorno dopo giorno evolvono strane dinamiche di convivenza. La sensazione di Claudia di essere sorvegliata emerge da un imbarazzo palpabile che diventa tormento e resta intrappolato in un imprudente silenzio complice.

Lasciata sola ad affrontare i suoi fantasmi, Claudia inizia a sentirsi preda di un’indefinita follia, alimentata da strane conversazioni che sente provenire dalla camera dei signori. Quasi quotidianamente i padroni di casa colmano le stanze di grida incontrollate. I suoni, inizialmente ovattati e indecifrabili, acquistano nitidezza agghiacciante quando la ragazza decide di appoggiare un bicchiere alla parete confinante per origliare.

Questo corto sceglie una casa come principale set. Il luogo che è rifugio per antonomasia qui è illusorio. La casa qui diventa incontro imbarazzante fra sconosciuti e, con crudeltà, offre una dimensione uguale per tutti, come un palcoscenico nudo, un vicolo cieco per la resa dei conti: chi fuggiva qui si ferma, obbligato a mostrare le piaghe e la peggior ipotesi di se stesso. Il fiato corto e le apnee sono suoni ricorrenti, a indicare lo scorrere della violenza lungo i silenzi disorientanti, gli sguardi abusivi, i canali olfattivi, le solitudini tra i muri sottili, le distanze troppo brevi tra i coinquilini, le voci ovattate dall’intimità delle camere.

LOCATION

Gran parte delle riprese verranno effettuate nella cittadina di Jesi (An), all’interno di un palazzo storico in cui attualmente alcune aree sono destinate all’esposizione di capolavori d’arte. Uno degli appartamenti del palazzo è stato abitato fino al secolo scorso da un famiglia nobile e oggi mantiene un fascino decadente e del mobilio originale.

REGIA

Federica Biondi nasce a Jesi nel 1978, dopo la laurea in Scienze della comunicazione – Comunicazioni di Massa, affianca il regista Henry Secchiaroli scrivendo sceneggiature per cortometraggi (tra cui “La costruzione del potere” con Neri Marcorè), e curando i backstage dei film di opere liriche prodotti da Metis Film per la Unitel (Nabucco all’Arena di Verona, l’Anelli dei Nibelunghi al Palau del les Arts Reina Sofia di Valencia, Macerata Opera Festival allo Sferisterio di Macerata). Nel 2009 fonda la Guasco libri e cinema, produzione cinematografica di Ancona con la quale produce cortometraggi (“Addetti ai lavori” regia di A. Lentati, con Fabrizio Ferracane, Lucia Mascino e Roberto Zibetti), scrive e dirige spot pubblicitari e offre supporto tecnico sul territorio alle produzioni televisive (ep. Niente di Personale della serie tv “Crimini” con Donatella Finocchiaro e Rolando Ravello, regia I. De Matteo, prod. Tao Due) e cinematografiche (“Niente può fermarci”, regia L. Cecinelli, con Giammarco Tognazzi, Gérard Depardieu, Carolina Crescentini, Massimo Ghini, prod. Angelika Vision e Rai Cinema).

Nel 2011 partecipa alle Giornate degli Autori al Festival del Cinema di Venezia come sceneggiatrice della docufiction “Generazione Internet” per la regia di Lorenzo Vignolo. In collaborazione con Vittoria Pesante, produttrice bolognese, e 99 Million Colors di Jesi, agenzia di comunicazione che fonda nel 2012, realizza documentari sugli artisti Antonella Cinelli, Wolfango, Laurel Holloman, Simona Bramati e Carlo Cecchi, e il lungometraggio ”Mi dispiace di lasciarla” (2014), un documentario sul viaggio a piedi attraverso l’Italia di due artisti e due asini.

Nel 2014 il suo documentario “Respiro – biografia di un inverno” viene selezionato al Bonsai Film Festival.

Nel 2015 viene selezionata da Marche Film Commission e dallo scenografo Giancarlo Basili per rappresentare la Regione Marche all’Expo di Milano con l’ideazione e la realizzazione di tre video. Sempre nel 2015 viene contattata da Michele Monina per curare la regia di una serie web per Il Fatto Quotidiano online.

È regista del videoclip “Disaffection” degli Interiors, finalista al festival Cortinametraggio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*