Villa Borgognoni, a ottobre il trasferimento dell'Asp | | Password Magazine

Villa Borgognoni, a ottobre il trasferimento dell’Asp

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Villa Borgognoni, c’è il via libera per il trasferimento dell’Asp Ambito 9. Da ottobre, l’Azienda Pubblica per i Servizi alla Persona (Asp) potrà trasferire nella storica villa di via Crivelli le proprie attività, avviando i primi lavori per l’adeguamento dell’edificio all’accoglienza degli uffici. Il tutto fino al tempo necessario all’esecuzione dei lavori di ristrutturazione che interesseranno la vicina Casa di Riposo. A stabilirlo è una delibera di Giunta, tenuto conto della necessità dell’Asp di avviare gli interventi di riqualifica nella struttura di via Gramsci e di trasferire alcuni uffici e postazioni in una sede quanto più vicina. La Giunta ha deliberato «di concedere in comodato d’uso gratuito all’Asp Ambito 9 l’immobile di Villa Borgognoni a decorrere dal 1 ottobre 2018, per la durata di anni tre, con possibilità di rinnovo e comunque per il tempo necessario all’esecuzione dei lavori di ristrutturazione Casa di Riposo».

Saranno dunque al momento messe alla porta, almeno fino alla durata dell’intervento , le associazioni che occupavano la villa per iniziative culturali: con una risoluzione votata durante il Consiglio comunale, l’Amministrazione comunale  si è però impegnata a proseguire un percorso che potrebbe portare alla ripresa dell’attività di ospitalità a Villa Borgognoni, un iter che «non potrà essere disgiunto da un’analisi tecnico-amministrativa».

I lavori saranno eseguiti in step successivi trasferendo gruppi di utenti in altre stanze della struttura medesima sino al completamento della ristrutturazione. Sotto il profilo sociale, gli interventi di riqualifica alla Casa di Riposo permetteranno non solo di risolvere i problemi atavici al tetto e agli ascensori ma rappresenteranno anche un investimento sociale: ad intervento ultimato, la struttura passerà dagli attuali 110 posti letto a ben 150, di cui almeno 20 in residenza sanitaria assistenziale, offrendo una risposta importantissima a fronte di una lista di attesa che oggi si attesta mediamente sulle 90 unità. Un progetto complessivo dal costo complessivo di 5 milioni di euro e la cui completa realizzazione potrebbe richiedere diversi anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.