Villa Borgognoni, ostello o no? L'acceso dibattito in Consiglio | Password Magazine

Villa Borgognoni, ostello o no? L’acceso dibattito in Consiglio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il dibattito su Villa Borgognoni anima il Consiglio comunale odierno, portando allo scontro le diverse forze politiche. Da un lato, Jesi in Comune e Pd che, tramite le rispettive consigliere Agnese Santarelli ed Emanuela Marguccio, hanno presentato ed esposto una mozione per la  riconferma della funzione di ostello della struttura di Villa Borgognoni. Dall’altro, i gruppi consiliari di maggioranza che sostengono la decisione presa dall’Amministrazione di liberare gli spazi dello storico edificio, al momento sede di iniziative culturali da parte di Spazio Ostello in rete con altre associazioni, per destinarlo temporaneamente agli uffici dell’Asp Ambito IX. I servizi sociali, attualmente inglobati all’interno della Casa di Riposo di via Gramsci, entro settembre dovranno trasferirsi infatti in altro luogo per permettere l’avvio ai lavori di riqualificazione della struttura. Gli interventi, oltre a far fronte ai problemi atavici del tetto e degli ascensori, permetteranno anche di estendere la capienza della Casa di Riposo, Residenza Protetta e RSA da 109 a 150 posti letto. 

Di fronte all’emergenza, l’Amministrazione comunale aveva stabilito il trasferimento delle circa 21 postazioni dell’Azienda ai servizi alla persona presso Villa Borgognoni, vista anche l’immediata vicinanza delle struttura. Non senza però suscitare polemiche dalle associazioni che finora avevano collaborato insieme alla valorizzazione del “bene comune”. Una questione già qualche mese fa oggetto di specifica commissione e che stamattina è approdata in Consiglio comunale. Prima con un’interpellanza di Jesi in Comune, poi con la mozione congiunta con il PD. Presente in aula una delegazione di circa 30 persone,  sopratutto firmatari della petizione “Villa Borgognoni, un ostello per la città”, più volte intervenuta con applausi a sostegno delle due consigliere. «Quella dell’Amministrazione è una scelta incomprensibile – sono le parole della Santarelli – In ballo c’è una situazione che non riguarda solo la città ma anche le associazioni che hanno lavorato e costruito rapporti di collaborazione e di accoglienza». «La Villa ha valore sociale ed economico – interviene la Marguccio – Perché non votare ora la destinazione d’uso della Villa Borgognoni come ostello? Altrimenti quando si deciderà in tal senso?».

Oltre a confermare la destinazione di Villa Borgognoni ad Ostello della Gioventù, la mozione vuol impegnare l’Amministrazione a « realizzare la piena valorizzazione della struttura di Villa Borgognoni all’interno di un progetto/percorso comunale e sovra comunale di recupero e valorizzazione di spazi dismessi o vuoti», destinandoli ad attività culturali, eventi, turismo eco-sostenibile.

«Valorizzare e recuperare Villa Borgognoni è parte del programma di questa Amministrazione – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Roberto Renzi – Tuttavia, confermare ora la destinazione d’uso come indicato dalla mozione, significherebbe impegnarsi senza disporre delle risorse necessarie per l’adeguamento della villa come ostello, a causa dei notevoli problemi strutturali che la rendono non idonea alla ricettività e alla somministrazione».  Lancioni (M5S) comprende la scelta dell’Amministrazione di trasferire gli uffici dell’Asp in una sede quanto più vicina alla Casa di Riposo, la Gregori parla di recuperare la destinazione storica ereditata dall’ultimo proprietario che voleva la Villa come luogo per i servizi di infanzia.

Filonzi (Jesiamo) introduce il problema della gestione dell’ostello, spiegando che le ultime due associazioni che se ne sono occupate hanno chiuso in deficit. E chiarisce: «Occorrono investimenti per riportare la struttura ad ostello. Sono già 6 anni che nessuno si è fatto avanti, con proposte di finanziamento che poi prevedano una rendita. E se la Villa diventa sede di un’attività economica a gestire la parte ospitale potrebbero non essere le associazioni jesine».  Baleani (Jesiamo) rafforza Filonzi parlando di «mancanza di risorse e di business plan» mentre Pirani (PD) insiste con la ricerca di altri «contenitori per accogliere gli uffici dell’Asp» chiedendo delucidazioni sulla durata dei lavori. Giampaoletti (InsiemeCivico) domanda allora perché non possano essere le associazioni occupanti la Villa a trovare altra sede per le proprie attività culturali, suggerendo di condividere magari gli spazi del TNT.

L’ultima parola, prima del voto, spetta al sindaco Bacci: «È grazie a questa Amministrazione che Villa Borgognoni è ancora un bene pubblico. Non va dimenticato che nel 2006, la Giunta Belcecchi decise di cartolarizzare la struttura e destinarla alla vendita. Infine, le associazioni che si sono finora occupate della struttura sapevano che si trattava di una soluzione temporanea, un patto stretto con l’Amministrazione a tempo determinato. Cercheremo di capire se c’è una modalità di tornare ad Ostello».

Si va al voto, la mozione viene bocciata (su 24 presenti, 6 voti favorevoli, 17 contrari e 1 astenuto). Le forze politiche di maggioranza propongono allora una risoluzione che invita l’Amministrazione comunale a proseguire in un percorso che porti alla ripresa dell’attività di ospitalità a Villa Borgognoni, un iter che «non potrà essere disgiunto da un’analisi tecnico-amministrativa». La risoluzione è approvata (18 favorevoli, 6 contrari).

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.