Banner Aprile IH Victoria

Villa Borgognoni torna al Comune, il Sindaco: "Non sarà mai più in vendita"

JESI – A distanza di 10 anni esatti Villa Borgognoni torna nella piena disponibilità del Comune di Jesi. E tramonta definitivamente ogni ipotesi di vendita. Anzi, si potrà procedere presto a valorizzare al meglio la struttura, restituendola piena funzionalità.

Il Consiglio comunale, nella sua ultima seduta, ha infatti approvato la retrocessione di Villa Borgognoni che dunque non è più nella disponibilità della società di cartolarizzazione ProgettoJesi. Insieme a Villa Borgognoni vengono riscattate dal Comune anche la palazzina ex Asur di Via Gallodoro, due appartamenti ed una unità immobiliare ad uso servizi sociali.

Il passaggio è stato tecnicamente possibile grazie ai benefici delle agevolazioni di legge relativi a società in corso di scioglimento come è appunto la ProgettoJesi e rispetto alle quali gli atti e le operazioni poste in essere in favore delle pubbliche amministrazioni sono esenti da imposizioni fiscali. Una opportunità che l’Amministrazione comunale ha colto al volo per evitare di pagare pesanti oneri.

“Si chiude in maniera definitiva – ha detto il sindaco Massimo Bacci – una procedura che permette alla città di rientrare nel pieno possesso di un edificio importante qual è quello di Villa Borgognoni. Inopportunamente era stato inserito tra i beni in vendita e sotto il profilo amministrativo se qualcuno avesse formulato un’offerta di acquisto la ProgettoJesi era obbligata a tenerla in considerazione. Ora questo rischio non c’è più. Dobbiamo solo attendere i 90 giorni previsti dalla legge dopo la delibera di Consiglio, ma è solo un tempo tecnico che non inficia sul risultato finale. Dunque, a questo punto, possiamo dire che la nuova Amministrazione comunale che si insedierà il prossimo anno potrà programmare al meglio azioni di rilancio della struttura come prezioso spazio per la ricettività, l’accoglienza, l’incontro e l’aggregazione grazie anche alle numerose associazioni che già ci ruotano attorno”.

Più in generale, l’atto di Consiglio pone un altro tassello sulla naturale conclusione di ProgettoJesi, esperienza straordinaria in termini di risultati economici per i conti pubblici. A fronte dei 35 milioni in beni conferiti o venduti dal Comune a ProgettoJesi, questa società ha mantenuto una dotazione imponibile residua, a valore di conferimento o vendita, pari a 18 milioni ed ha realizzato nei 10 anni vendite per oltre 19 milioni, restituendoli in larghissima parte al Comune tra contanti (più di 12 milioni) ed opere di urbanizzazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.