Villa Salvati, al via il piano di abbattimento e ripiantumazione dei tigli | | Password Magazine
Banner4Baffi

Villa Salvati, al via il piano di abbattimento e ripiantumazione dei tigli

PIANELLO VALLESINA – Villa Salvati, c’è il via libera della Soprintendenza dei Beni Culturali a procedere con il programma di manutenzione, ripiantumazione e abbattimento dei tigli ultracentenari a rischio crollo. Un piano di recupero della durata di 4 anni che vedrà la graduale sostituzione di tutte le piante, oramai a fine vita, a partire dalle più pericolose.

Già quattro quelle abbattute ieri mattina, le uniche che impedivano agli studenti dell’istituto agrario Salvati, che ha proprio sede nel parco della Villa, di raggiungere le tre aule situate dopo la chiesetta.

«Dopo le cadute avvenute come conseguenza del maltempo – spiega il presidente della Fondazione proprietaria Gabriele Marasca -, gli studi di ben due Università hanno messo in evidenza lo stato di precarietà di alcune piante, alcune ritenute di pericolosità immediata, altre da tenere sotto costante monitoraggio. Dopo la messa in sicurezza delle aule scolastiche, in collaborazione con la Provincia è stato commissionato un piano di sostituzione delle essenze a un architetto paesaggista che ha elaborato un programma di ricambio graduale di tutti gli alberi. La Soprintendenza ha approvato la relazione dell’architetto».

Il rilascio del nulla osta definitivo era subordinato alla predisposizione di un progetto di ripiantumazione delle essenze abbattute, effettuato in modo da garantire la leggibilità della geometria e visibilità dell’ «architettura da giardino» tutelata. Dopo l’abbattimento delle prime essenze, non sono mancate le polemiche ma l’intervento non sarebbe più prorogabile per ragioni di sicurezza.
«Il Comune di Monte Roberto ha preso atto delle autorizzazioni degli enti preposti e rilasciato l’ok a tale piano – afferma il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici del Comune di Monte Roberto Melania Cannuccia -. Giovedì scorso è finalmente arrivata l’autorizzazione della Soprintendenza, necessaria oltre a quella del Ministero delle Politiche agricole già precedentemente accordata. Approvato definitivamente dunque il programma di manutenzione, sicurezza e messa a dimora degli alberi della villa Salvati, la Provincia ha potuto procedere con le attività consentite nel progetto di ripiantumazione che, ovviamente, prevede prima l’abbattimento di alcune piante ad alto fusto, subordinatamente alla piena osservanza delle condizioni stabilite nel parere favorevole rilasciato dal Ministero per i beni e le attività culturali e la Sovrintendenza archeologica, belle arti e paesaggio delle Marche».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.