Villa Salvati, alberi pericolosi e istituto agrario chiuso. Il sindaco: «Faremo il possibile»

Chiusi i cancelli di Villa Salvati

PIANELLO VALLESINA – Villa Salvati, ostaggio di una trentina di alberi pericolosi a rischio caduta. Amaro rientro a scuola per gli studenti dell’Istituto agrario che, non potendo accedere ai locali e alle strutture di Pianello Vallesina, chiuse per motivi di sicurezza, da lunedì sono stati trasferiti dalla Dirigenza scolastica nelle classi del Cuppari, a Jesi, per le lezioni con orario che va dalle 12.30 fino alle 17.30, con inevitabili disagi.

Il sindaco di Monte Roberto Stefano Martelli fa luce sui fatti: «A seguito delle piante cadute nel mese di luglio, come conseguenza del maltempo, la Provincia di Ancona, che gestisce le scuole superiori del territorio, nei mesi scorsi ha incaricato una ditta specializzata per monitorare gli alberi ed ora è pronta ad intervenire. A seguito delle verifiche, è emerso infatti che alcuni tigli devono necessariamente essere abbattuti perché non danno garanzia di solidità».
Preso atto della situazione, la Fondazione proprietaria di Villa Salvati ha dato comunicazione alla Dirigenza scolastica di parere negativo per lo svolgimento di attività all’interno dell’aree della Villa, fino a quando non vengano messe in sicurezza con l’abbattimento degli alberi pericolosi, previa autorizzazione delle Soprintendenze Archeologica Belle Arti e Paesaggio delle Marche. «Villa Salvati è un edificio considerato di valore storico – spiega il sindaco Martelli – così come il viale di tigli, costituito da piante ultracentenarie, che è soggetto a due diversi vincoli, sia per essere alberature monumentali che per essere pertinenza della villa e dunque di competenza della Soprintendenza ai Beni Culturali. Il Ministero delle Politiche agricole ha già espresso parere favorevole all’abbattimento ma manca ancora quello della Soprintendenza che si auspica possa arrivare il prima possibile». L’Amministrazione comunale di Monte Roberto è vicina alle famiglie e sta facendo tutto quanto il possibile per agevolare la risoluzione del problema: «È comprensibile il disagio degli studenti e dei genitori. Una volta ottenuto anche il secondo parere positivo, ci assicureremo che vengano velocizzati i tempi di rilascio dell’autorizzazione ad abbattere».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*