Villa Salvati, interventi ai tigli. Studenti a scuola sicuri | Password Magazine
Festival Pergolesi

Villa Salvati, interventi ai tigli. Studenti a scuola sicuri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTE ROBERTO – Cinquecentomila euro dalla Provincia per la messa in sicurezza dei tigli nel parco di Villa Salvati. Ripartenza doppiamente sicura oggi per gli studenti dell’istituto per l’Agricoltura e l’Ambiente «Serafino Salvati», con sede a Pianello Vallesina: oltre al covid, la scuola ha infatti dovuto affrontare nell’ultimo anno anche la criticità legata al rischio caduta delle piante secolari che compongono il viale alberato e che aveva costretto gli studenti a un trasloco temporaneo presso la sede del Cuppari di Jesi. Tigli che, tutelati dalla Soprintendenza come beni monumentali, sono stati oggetto di un iter lungo e complesso iniziato un anno fa e che, ad oggi, si accinge finalmente a concludersi.

20200914_114958

Questa mattina, il presidente della provincia Luigi Cerioni ha incontrato il dirigente del Cuppari Salvati Alfio Albani e gli studenti dell’istituto di Pianello Vallesina per augurare a tutti una buona ripresa delle lezioni: «La Provincia ha già stanziato 500 mila euro per la messa in sicurezza del viale e l’intenzione è continuare ad investire sul Salvati  – ha detto Cerioni -. Questa scuola gioca infatti un ruolo importante sul territorio, è una realtà da portare avanti in quanto motore di formazione e sviluppo per i giovani che vedono nell’agricoltura un’opportunità per il loro futuro». Tra gli interventi sui cui la Provincia è disposta a investire anche l’installazione di un circuito di sorveglianza contro gli atti vandalici, altra criticità che l’istituto ha dovuto fronteggiare: «Devo ringraziare la provincia che ha preso a cuore la scuola – è il commento del dirigente Albani -. Ora lo spazio è sicuro e gli operai stanno continuando a lavorare per completare l’intervento. Abbiamo agito prima che accadesse il peggio e, nonostante tutte le criticità, l’emergenza ci ha uniti tutti per un obiettivo comune: garantire sicurezza e salute».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.