Vino e solidarietà con lo IOM Jesi-Vallesina | Password Magazine
Festival Pergolesi

Vino e solidarietà con lo IOM

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Vino e solidarietà IOML’affascinante mondo del vino si sposa con la forza della solidarietà. Sabato 8 giugno, a partire dalle ore 19.00, la Cantina Santa Barbara di Stefano Antonucci a Barbara (An), apre le porte dell’azienda e del cuore all’Associazione IOM Jesi-Vallesina Onlus.

In occasione dei vent’anni di successi del Verdicchio Classico dei Castelli di Jesi  “Le Vaglie”, grande festa con musica, cibo di qualità e vino per stare insieme e per fare del bene.

“Sarà una festa del tutto popolare e informale, immersa nel verde delle colline marchigiane”. Lo hanno affermato Anna  e Maria Luisa Quaglieri, rispettivamente Presidente e Vice Presidente dello IOM, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento, tenutasi a Jesi nella sede dell’Associazione. Stefano Antonucci, e tutto il suo collaudato staff, è noto per il successo delle sue iniziative in cantina, e grazie alla comune amicizia con il consigliere Iom Valentino Valentini, l’evento di sabato  sarà l’occasione per portare lo IOM tra la gente. Nel corso della serata saranno allestiti due grandi stand che ospiteranno momenti di intrattenimento per tutti i palati: la musica di ieri del Concertino Burro e Salvia e quella di oggi con un famoso DJ direttamente dalla movida romagnola. Non mancheranno grigliate di carne, porchetta, spaghetti aglio, olio e peperoncino e vini doc. Sarà possibile visitare anche i locali della cantina per vedere dove e come nasce il miglior vino del nostro territorio.

Un evento benefico che andrà a sostenere la nobile attività dell’Associazione Iom, che opera in favore dei malati oncologici di Jesi e della Vallesina, garantendo loro assistenza domiciliare gratuita. “Abbiamo bisogno di sostituire le macchine, ma soprattutto – spiega la Vice Presidente Maria Luisa Quaglieri –  abbiamo bisogno di altri due infermieri, a supporto dei sette già operativi, per far fronte allo spaventoso trend in crescita di pazienti (310 gli assistiti ogni anno). Nonostante gli aiuti pubblici in calo e la malattia in crescita, ci sono vicine tante persone che con le loro donazioni ci permettono di continuare la nostra missione“.  Dallo Iom i doverosi ringraziamenti al titolare della Cantina Stefano Antonucci per l’impegno e l’affetto nei confronti dell’Associazione, al Molino di Mariani per le forniture di pane, alla famiglia Renzo Rotatori per la collaborazione, alla Pro loco di Barbara e alla Polizia Municipale a garanzia del regolare svolgimento della manifestazione

L’evento sta già riscuotendo successo nelle adesioni ma l’Associazione Iom invita, chi non l’avesse ancora fatto, a prenotarsi (per info: 0731 4200 – 329 8410920).

 

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.