Violenza contro le donne vista dagli occhi di un figlio nella clip dei "Confini di Tela" | Password Magazine

Violenza contro le donne vista dagli occhi di un figlio nella clip dei “Confini di Tela”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Oggi, 25 novembre, è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, molte sono le iniziative intraprese per sensibilizzare i cittadini su questo importante problema. Diverse sono state raccontate sulle pagine di Password Magazine, ad una ho collaborato anche io, quella della Fidapa Jesi, da sempre attenta con serietà al tema.

Poco più di un mese fa era già uscito un video musicale che, da un punto di vista diverso, originale, accendeva i riflettori e raccontava la violenza domestica. Video che torna prepotentemente attuale oggi, infatti condiviso dai membri della band nelle scorse ore, e colpisce dritto nel petto con la potenza delle chitarre elettriche e la poderosa voce del vocalist. Sto parlando di “Nessuna Parola” dei Confini di Tela, già famosi nel nostro territorio per il precedente pezzo, quel “Cenere” dedicato alle zone terremotate (qui l’articolo), un brano meritevole tanto da essere riproposto nel consiglio comunale jesino di ottobre per le sue qualità e l’eleganza morale comunicata in un mix di suoni e immagini.

Confini di tela band

“Sotto il letto per non farmi trovare. Sotto il letto per non sentire” così recita una strofa della canzone. La sua particolarità e forza non convenzionale sta infatti nel punto di vista scelto, non quello della donna ne in quel dell’uomo padrone ma si sposta, cambia prospettiva, ed abbraccia una terza persona: un figlio!

Marco Fersini (voce e chitarra), Matteo Tarabelli (chitarra e cori), Alessandro Violini (batteria) e Sergio Fabrizi (basso e cori) hanno utilizzato la loro arte per dar voce a questo problema, spesso nascosto “Anche mamma non sa che fare…” recita sempre il testo, ma lo sanno i Confini di Tela il cui video è un pugno nello stomaco (disegni di Francesco Morici) ed oggi merita di essere riproposto.

 

Articolo a cura di Matteo Baleani collaboratore di Password Magazine ed esperto di marketing e comunicazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.