Violenza di genere, più casi in città. Il tema al centro di una pièce teatrale con Federica Quaglieri

JESI – Debutta al Teatro Pergolesi di Jesi lo spettacolo “Filippo (che non chiede mai la strada)”, monologo teatrale scritto da Betta Cianchini e interpretato dall’attrice jesina Federica Quaglieri contro la violenza di genere

Il femminicidio è un fenomeno che viene trattato dai media tutti i giorni poiché in aumento, è una piaga della nostra società moderna e la pièce teatrale “”Filippo” vuole darne una rappresentazione veritiera attraverso una gradazione di registri, dal comico al grottesco sino al drammatico. Promosso dalla Croce Rossa Italiana – Comitato di Jesi , lo spettacolo andrà in scena il 23 febbraio: “Si dovrebbe parlare di femminicidio sempre e non soltanto nelle ricorrenze – commenta l’assessore per le pari opportunità, Marisa Campanelli – e vederlo fare in teatro, luogo vivo in cui ci si emoziona e si vivono forti sentimenti, è fondamentale”. L’assessore ha anche annunciato che l’Amministrazione sta lavorando all’istituzione di una Consulta delle Donne, da coinvolgere in progetti al fianco del Comune: “Entro l’anno nascerà a Jesi un organismo di rappresentanza per le donne sempre presente e attivo nel territorio di Jesi che lavorerà per portare avanti progetti e iniziative in comune come portavoce delle esigenze delle donne”.

Anche la Croce Rossa vuole sensibilizzare la comunità su questo tema, a volte troppo poco discusso tra i cittadini: “Lo spettacolo fa riflettere sul fenomeno che sta dilagando – commenta Paola Zega, volontaria della Croce Rossa – io ho già assistito ben due volte alla messa in scena e devo dire che ogni volta mi ha emozionato in modo differente, lo spettacolo teatrale credo sia un bellissimo mezzo di comunicazione, specialmente quando vengono trattati temi così delicati”. L’intero monologo è un concentrato di ritmi comici, situazioni paradossali minuziosamente costruite per “distogliere” e far divertire il pubblico con grazia, intelligenza e leggerezza fino all’epilogo che svelerà l’anima malata di Filippo. La protagonista è Federica Quaglieri, attrice eclettica capace di passare con disinvoltura del genere comico al drammatico e attenta alla violenza di genere da ormai 6 anni: “Ogni due giorni una donna muore per violenze – spiega Federica Quaglieri – soprattutto nelle regioni del nord Italia e nei ceti medio alti. Con questo spettacolo vogliamo arrivare al cuore delle persone attraverso una storia di amore dalle innumerevoli sfaccettature e ci tengo che lo spettacolo giri per far capire alle donne che non sono sole”. E anche nel nostro territorio si sono registrati casi di violenza contro le donne, negli 11 anni di attività dello sportello antiviolenza della casa delle donne, sono state più di trecento le donne aiutate: soltanto nel 2018 sono state accolte 38 donne di cui 11 straniere, un dato in aumento rispetto al 2017: “Il 70% di loro ha subito violenza fisica, il 40% violenza economica e il 20% stalking – commenta un legale dello Sportello Antiviolenza Diletta Romani – gli episodi di violenza registrati sono in aumento perché ora le donne prendono coscienza di ciò che stanno subendo e trovano il coraggio di uscire dal loro stato”.

I biglietti per lo spettacolo sono acquistabili presso la biglietteria del Teatro Pergolesi al costo di 15€: il ricavato verrà donato in beneficenza.

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*