Matt Cancelleria
Vai al Sito

Violenza di genere, se ne parla alla Fondazione Colocci con la Casa delle Donne

JESI –   In vista della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, il 25 Novembre, la Casa delle Donne di Jesi, in collaborazione con l’Associazione Forense Jesina, ha organizzato il convegno “I risVolti della violenza sulle donne”. L’evento, tenutosi in Sala dei Convegni della Fondazione Angelo Colocci, è stato patrocinato da Arci Marche e ha affrontato la tematica, sempre più delicata e attuale, della violenza sulle donne. Questa volta però, con un nuovo punto di vista: quello maschile.

“Un incontro che esce un po’ fuori dalle linee di narrazione tradizionale della violenza sulle donne. Qui sul territorio non si parla mai di uomini maltrattanti, e altre associazioni hanno contestato la nostra idea. Oltretutto, è stato anche contestato il fatto che i relatori presente siano tutti uomini: noi della Casa delle Donne vantiamo un team preparato e polivalente, e avremmo potuto non invitare nessun altro, ma abbiamo ritenuto opportuno che i nostri relatori, che sono uomini, parlassero di altri uomini”  commenta Giorgia Martelli, criminologa e appartenente all’associazione Casa delle Donne di Jesi.

L’incontro, destinato soprattutto agli appartenenti all’Ordine degli Avvocati di Ancona, ha visto coadiuvare Casa delle Donne e Associazioni Forense Jesina, rappresentate rispettivamente dalle figure dell’Avvocato Lucia Paolinelli e Avvocato Marco Fioretti, i quali hanno espresso in maniera condivisa l’entusiasmo e la volontà di educare a queste tematiche: in particolare, ha spiegato Lucia Paolinelli, quello che la sua associazione ha in progetto di fare non è solo il sostegno alle donne vittime di violenza, ma anche promuovere progetti educativi nelle varie scuole di ogni ordine e grado della Vallesina. D’altro canto, Marco Fioretti ha ricordato che in futuro verranno programmati nuovi appuntamenti similari al convegno di oggi.

Sono seguiti poi gli interventi dei relatori: la testimonianza del Dottor Stefano Ciccone, fondatore dell’Associazione Maschile Plurale, ha portato in luce il fatto che troppo spesso, anche tramite azioni di cattiva informazione, non si arrivi alla comprensione degli atti di violenza, quanto piuttosto alla semplice condanna, Ha sottolineato inoltre come, attraverso stereotipi sedimentati nella cultura nazionale, si pensi al fenomeno di violenza di genere come ad un problema emarginato, non appartenente alla cultura nazionale, riportando numerosi riferimenti attinti dall’immaginario comune, e anche dalla letteratura antica in cui emergono numerosi stereotipi.

A seguire poi, l’intervento del Dottor Vincenzo Capezza, Presidente del Tribunale per i Minorenni delle Marche, ha seguito un punto di vista dalla parte di vittime secondarie, quali appunto i minori, figli di uomini maltrattanti e donne maltrattate, trattando l’argomento tramite un excursus di strumenti legislativi da utilizzare in difesa del minore, partendo dalle prime fasi iniziali di segnalazione del problema, fino ad arrivare alla privazione della potestà genitoriale.

Infine il Dottor Rossano Bisciglia, Psicologo e Psicoterapeuta del CAM (Centro Uomini Maltrattanti) di Firenze ha raccontato le esperienze nella presa in carico dei carnefici, ovvero degli uomini autori di violenza.

L’evento sembra aver avuto un ingente seguito, viste le numerose presenze in sala.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*