Violenza sulle donne: molti i casi in Vallesina. Le iniziative per la giornata del 25 novembre | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Violenza sulle donne: molti i casi in Vallesina. Le iniziative per la giornata del 25 novembre

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ogni anno sono almeno cento le donne che vengono uccise in Italia da mariti e compagni. La Vallesina non è un’isola felice: poco più di dieci giorni fa i carabinieri di Jesi hanno dato arrestato un 36enne poiché colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, in quanto accusato di maltrattamenti in famiglia. Lo scorso settembre a Castelplanio i militari hanno arrestato un 50enne responsabile di maltrattamenti e lesioni volontarie nei confronti della moglie, che perpetrava dagli anni Novanta. Lo scorso febbraio era stato arrestato un 40enne: l’uomo era stato allontanato dalla famiglia su disposizione del giudice e già arrestato dai carabinieri ma nonostante tutto ha continuato a reiterare comportamenti violenti, sia fisici che psicologici nei confronti della moglie, procurandole  in alcuni casi anche lesioni personali. In un’occasione l’aveva persino minacciata di morte, alla presenza dei carabinieri, con un’accetta.



E ci fermiamo qui. Quanto basta, anche troppo, per capire l’importanza degli eventi organizzati in città. La Fidapa Bpw sezione di Jesi in occasione della “Giornata Mondiale della violenza contro le donne”, istituita nel 1999 dalle Nazioni Unite, organizza per domani (venerdì 25 novembre) alle ore 17, a Palazzo Bisaccioni (sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi), una conferenza  dal titolo “Donne e violenza, emergenza sociale?”,  alla presenza di autorevoli relatrici e con il patrocinio del comune di Jesi. Interverranno la Dott.ssa Natascia Mattucci – Professore II Fascia Università di Macerata – che tratterà “La violenza maschile contro le donne in quanto tali: una questione strutturale”; la Dott.ssa Giovanna Massei – Casa delle donne Jesi – con “La funzione dello sportello antiviolenza”; la Dott.sa Roberta Carotti  – Psicologa del Consultorio La famiglia di Jesi – con un intervento dal titolo “..la voce dell’uomo”; l’ Avv. Antonella Ricci”- Responsabile Commissione Legislazione Fidapa Bpw Italy Distretto Centro – con “La legge  italiana contro la violenza sulle donne e prospettive future”.  L’incontro sarà aperto dai saluti di Maria Daniela Morresi, Presidente Fidapa Jesi e moderato dall’ Avv. Francesca Pentericci, per la stessa associazione. L’ingresso è gratuito e aperto a tutta la cittadinanza. L’assessore Marisa Campanelli ha sottolineato che resta attivo il codice rosso Sportello Anti Violenza, nel 2015 sono state 35 le donne quelle prese in carico. Il comune ha inoltro finanziato progetti per attivare programmi di prevenzione contro la violenza di genere nelle scuole dove la Fidapa, con la presidente Morresi sta facendo promozione per educare al rispetto nel rapporto di coppia. Sul tema va segnalata anche la mostra “Embodying differences” di Silvia Fiorentino fino al 4 dicembre alla Pinacoteca (da Mar. a Dom. 10-13 / 16-19). L’Udi Jesi aderisce alla manifestazione nazionale “Non una di meno“. L’occasione, il 26 novembre a Roma. Ingresso libero allo spettacolo “L’analfabeta” il 29 novembre ore 21 al Teatro Moriconi con la compagnia Teatro Petalò.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.