Virus, Conte chiude tutte le attività produttive non essenziali: «Dobbiamo resistere» | | Password Magazine

Virus, Conte chiude tutte le attività produttive non essenziali: «Dobbiamo resistere»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Conte chiude tutto, restano aperti solo i supermercati, le farmacie e i servizi essenziali. Lo ha annunciato questa sera, tramite una diretta per illustrare le nuove misure che resteranno in vigore fino al 3 aprile: «La morte di tanti concittadini è un dolore che si rinnova ogni giorno – ha detto il premier – le misure richiedono tempo, dobbiamo continuare a rispettare le regole con pazienza, responsabilità e fiducia. Non è facile rinunciare alle abitudini ma non abbiamo alternative in questo momento. Dobbiamo resistere e solo in questo modo potremmo tutelare noi e le persone che amiamo». Un pensiero di Giuseppe Conte è andato poi ai medici, agli infermieri, alle forze dell’ordine, agli uomini e alle donne della Protezione civile, dei servizi dell’informazione, dei supermercati e delle farmacie che ogni giorno compiono un atto di amore e responsabilità verso la comunità:

«Oggi c’è da compiere un altro passo – ha detto – la decisione è di chiudere sul territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia strettamente necessaria a garantirci beni essenziali. Continueranno a restare aperti supermercati e negozi di prima necessità. Non abbiamo previsto restrizioni sugli orari di apertura dei supermercati, per cui non c’è motivo di affollarli. Continueranno le farmacie e parafarmacie, servizi bancari, postali, trasporti e anche tutte le attività connesse e funzionali a quelle essenziali. Al di fuori, consentiremo solo lo svolgimento di lavoro smart working e attività produttive rilevanti per la produzione nazionale».

«Una decisione non facile – ha detto Conte – che ci predispone ad affrontare la fase più acuta del contagio e necessaria per contenere l’epidemia. L’emergenza sanitaria sta tramutando in piena emergenza economica: ma lo Stato però c’è, è qui e ci consentirà di ripartire quanto prima. Dobbiamo resistere: mai come ora la nostra comunità deve stringersi forte a protezione della vita. Un passo indietro che ci consentirà di prendere la rincorsa verso il futuro».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.