Visite guidate all’Abbazia di Castelplanio, l’iniziativa grazie ad Oikos e Comune

CASTELPLANIO – Tre pomeriggi aperti al pubblico, ad ingresso libero, per conoscere e conoscersi all’interno della splendida cornice dell’Abbazia di San Benedetto dei Frondigliosi di Castelplanio.

Ogni venerdì, a partire dal prossimo, per tutto il mese di luglio, la comunità terapeutica «Algos» dell’Oikos, che ha sede all’interno della Badia, apre le porte dello storico edificio a turisti e visitatori, d’intesa con il Comune di Castelplanio.

Dal 2011, infatti, grazie alla sensibilità della Diocesi di Jesi, l’Abbazia di San Benedetto dei Frondigliosi accoglie la comunità di recupero per tossicodipendenti gestita dalla onlus, capace di ospitare fino a 34 persone in maniera residenziale, 6 in diurno. Nel corso delle tre giornate questo stupendo spazio si aprirà alla comunità di Castelplanio nella suggestione di un luogo che ospita attualmente 25 persone, tutte che percorrono una difficile strada che li porterà ad affrancarsi dalla dipendenza, a ritrovare se stessi e il proprio futuro.  «Trovando il giusto equilibrio – fa sapere il direttore generale dell’Oikos Salvatore Tomasso, affiancato dalla responsabile per le Dipendenze Laura Ascani – , vorremmo restituire la splendida Badia alla città che ci ospita». Parole di soddisfazione anche dal sindaco Fabio Badiali e dai due assessori Roberta Casali e Ilaria Cascia, rispettivamente alla Cultura e ai Servizi sociali:  «Grazie all’Oikos,  questa parte di patrimonio storico sarà fruibile ai visitatori e alla popolazione – ha detto Badiali -. È il segno tangibile del senso di vicinanza della onlus al territorio, permettendo alla struttura di diventare il fiore all’occhiello di questa comunità».

Si potranno così ammirare, accompagnati da una guida, le bellezze storiche e architettoniche dell’abbazia: la Chiesa attigua alla costruzione che, fino al 1618 fu chiesa parrocchiale dei castelplanesi e che ebbe un ruolo determinante per l’origine de centro abitato di Castelplanio; il chiostro interno con il suo cortile costruito intorno al pozzo e il loggiato sovrastante in stile romanico; la sala grande con il soffitto in legno a cassettoni con il simbolo vescovile di Jesi, divenendo residenza estiva di vescovi di questa città e conoscere, attraverso un inedito video, la lunga storia della Badia.

Per prenotare le visite (il 12, 19 e 26 luglio alle 18 e alle 18.45) è necessario rivolgersi al numero 0731 213125 (dalle 9 alle 13) o mandare una mail a info@oikosjesi.it. L’ingresso è libero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*