Visite guidate in piazza Colocci: "Qui sorgeva l'antico Palazzo comunale" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Visite guidate in piazza Colocci: “Qui sorgeva l’antico Palazzo comunale”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono partite questo pomeriggio le visite guidate agli scavi archeologici di Piazza Colocci, organizzate dal Comune di Jesi in collaborazione con la Soprintendenza.  Grande l’interesse dei cittadini che, già dal primo turno di visite, hanno affollato la passerella appositamente allestita per l’occasione. A far da Cicerone c’è Alessandro Biagioni di Archeo in progress e archeologo del team che in queste ultime settimane si è occupato degli scavi del centro storico.

Da subito, l’esperto ha illustrato ai presenti le prime teorie circa i ritrovamenti in piazza: “Dalle fondazioni e pilastri emersi, databili intorno al XIII secolo, si direbbe che ci troviamo di fronte ai resti dell’antico Palazzo del Comune o Palazzo dei Priori – spiega l’archeologo – Il primo documento che ne attesta l’esistenza risale infatti al 1248 e parla di un edificio qui ubicato a pianta quadrangolare, di due piani, con scala esterna, il cosiddetto profferlo. Il Palazzo si affacciava su tre lati lunga la strada pubblica: una facciata dava su Piazza San Luca, l’attuale piazza Colocci che, a questo punto, aveva un’estensione diversa da quella attuale; il lato con loggiato era rivolto verso via Pergolesi, al tempo, via delle Botteghe; il terzo lato su vicolo degli Amici. La quarta parete era invece a ridosso di un’abitazione privata, quella di Nicola Manuzzi”.

Ed appartengono probabilmente proprio alla casa del Manuzzi i resti del secondo edificio rinvenuto nella piazza. Dell’antico Palazzo comunale, raso al suo intorno alla metà del 1400 per problemi di stabilità e rinato poco più in là nelle forme dell’attuale Palazzo della Signoria, restano questo reperti e le fonti che lo descrivono come un edificio ricco di stanze e ambienti, senza il cortile interno: c’era la Sala Pinta, affrescata, e poi la Sala del consiglio, la Salara.

Gli scavi raccontano anche di quanto c’era cento anni prima di questo Palazzo, intorno all’ XI secolo: abitazioni, costruite con materiale recuperato – pietre e sassi irregori e non il classico mattoncino – in un’epoca in cui la zona era abbandonata, preda di invasioni barbariche e saccheggi, e in cui non vi erano controlli nell’edilizia dal crollo dell’impero romano.

Il focolare riaffiorato

Ecco dunque spiegato il focolare e la porticina riaffiorata. Ipotesi rese ancor più plausibili dai ritrovamenti, in corso agli interventi degli anni 2000 al Palazzo della Signoria, di una pavimentazione in terra battuta con un palo di legno eretto, risalente al IV secolo d.C. Un capanno, insomma, il tutto edificato sopra un pavimento a mosaico romano, di epoca precedente.

Successive stratificazioni di rifiuti, sepolture e resti di fosse granarie hanno portato i ricercatori a pensare che questa zona fino almeno all’XI secolo fosse in stato di abbandono e degrado. Non è ancora chiaro come si presentasse la piazza all’epoca dell’arrivo di Costanza d’Altavilla per la nascita dell’Imperatore: e chissà che non sarà un aspetto che sarà rivelato nelle prossime visite guidate, mano a mano che i lavori in piazza porteranno alla luce altre verità sotterrate.

Chiara Cascio

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.