Vittorio Graziosi e Il crinale del tempo | | Password Magazine
Banner4Baffi

Vittorio Graziosi e Il crinale del tempo

JESI – “Un pugno allo stomaco”. Comincia così la postfazione all’ultimo libro di Vittorio Graziosi, a firma della psicoterapeuta Paola Pompei. E in effetti Il crinale del tempo, edito da Miraggi Edizioni per la collana di racconti Golem, trascina il lettore nei meandri di una vicenda terribile, a tratti non priva di riferimenti autobiografici. Protagonisti ne sono due fratellini, vittime di abusi da parte di uno zio orco. La narrazione in prima persona di uno dei due, Francesco, propizia l’immedesimazione da parte del lettore, che diviene suo malgrado partecipe della discesa negli inferi dell’abiezione. Eppure il tono è pacato e luminoso, proprio del punto di vista di un bambino, la cui ingenuità si fa strada nella scoperta del male.

ilcrinaledeltempo

Una prosa scorrevole, a tratti altamente evocativa, illumina il racconta e ne ripercorre le vicende, sullo sfondo di un’Italia alle prese con i primi effetti del boom economico prima, con la disillusione scaturita dalla crisi del petrolio poi e con l’ansia di rivolta ed emancipazione che seguirà. Il tutto, come già detto, visto con gli occhi di un giovane, in bilico tra fanciullezza e pubertà. In equilibrio, sospeso su un crinale. Quello del tempo, per l’appunto. Che si dilata come una vela, “indifferente ai miei sogni – scrive Graziosi – …va nella direzione del mio guardare e tanto mi basta per lasciarmi andare. Ecco. Ho sempre pensato che questo sia scrivere”. Ed allora il volo pindarico della fantasia dell’autore mescola le carte e narra in parallelo un’altra vicenda, lontana, ma che ha lo stesso sapore di caduta e rinascita, attraverso il recupero della memoria. Un percorso a ritroso che riannoda il filo d’Arianna dei pensieri e si fa catartico. È la storia di Ahmad, ladro in casa dell’altera Anna, con cui finirà per condividere la solitudine, all’apice di un diverso percorso di vita. Storie distanti, eppure accomunate dalla medesima serena contemplazione della vita, nei suoi aspetti più e meno piacevoli, sospinte dal vento dell’immaginazione, che guida la punta della penna. Storie, in un caso e nell’altro, in equilibrio sul crinale del tempo.

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.