Vittorio Sgarbi e il monumento a Pergolesi: "Non va spostato, anzi sì…" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Vittorio Sgarbi e il monumento a Pergolesi: “Non va spostato, anzi sì…”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  L’incipit è dedicato alla prossima inaugurazione del museo multimediale dedicato a Federico II nell’omonima piazza. Ma la vera carne al fuoco è ancora la vexata quaestio dello spostamento del monumento a Pergolesi.

Tutto in un video di circa 3 minuti e mezzo pubblicato sulla sua pagina Facebook dall’assessore alla cultura Luca Butini,  candidato al fianco del Sindaco uscente Massimo Bacci, dove Vittorio Sgarbi esprime “riflessioni” in merito.

Detto che “quel mammozzo – vale a dire la statua in bronzo dell’imperatore – è bene non venga spostato, lasciamolo lì dove sta, opera di uno scultore talmente debole e poco rappresentativo che contrasta con la sede museale virtuale, la quale auspico possa ospitare anche mostre con pezzi importanti di quel primo momento della rinascita italiana”, Sgarbi  torna ad esprimersi ancora sul monumento a Pergolesi e relativo spostamento.

Stavolta, però, non in linea con quanto aveva dichiarato – a Il Resto del Carlino – nel gennaio scorso.

Non va spostato. Spostare monumenti, cambiare piazze e nomi è una mania che non ha senso”.

Nel video, invece: “Il mutamento di direzione di una strada, l’apertura di una piazza, situazioni contingenti che non vogliono dire una rottura dell’equilibrio urbanistico preesistente, possono anche avere una logica che io non mi sento di contrastare non avendo fatto nessun pensiero relativo al monumento a Pergolesi”.

Andando un po’ più nel dettaglio Sgarbi afferma che “mi pare di capire dai prospetti che ci penserà la Soprintendenza e che lo spostamento non sia una cosa negativa, che delimiti uno spazio nuovo per una piazza ma soprattutto che in onore di un grande italiano che è Pergolesi, faccia vedere meglio quel monumento che io non ho visto”.

Sì perché, sottolinea: “Vuol dire che il monumento era sicuramente importante, sicuramente significativo ma non tanto da farsi vedere a uno che è andato almeno 30 volte nella vita a Jesi. Occorre che il monumento si veda e lo si possa collocare nella posizione in cui si presume nel nuovo intervento. Dietro l’abside della chiesa è molto più visibile a onore di Jesi e a onore di Pergolesi”.

Ma Sgarbi, poi, ci tiene anche a precisare che “non voglio con questo dare un giudizio definitivo sulla questione, ne riparleremo. Non è materia sulla quale fare uno scontro elettorale, perché mi pare una buona intenzione da parte dell’Amministrazione dare più luce e migliore evidenza al personaggio più importante, dopo Federico II, che rappresenta Jesi”.

Inutile aggiungere che sui social si è scatenata la polemica che proseguirà anche a suon di comunicati. Tanto rumore per nulla? Vedremo.

D’altronde, come si dice, è sciocco chi non cambia opinione. O no?

A cura di Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.