Vivere la città d'estate: di Jesi, c'è tanto da scoprire | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Vivere la città d’estate: di Jesi, c’è tanto da scoprire

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Non tutti partono per le agognate vacanze. Per chi rimane in città, l’estate non è sempre solo asfalto rovente, serrande abbassate di alcuni negozi, strade con pochissimo traffico, ovvero una città svuotata e silente. Il periodo estivo può essere l’occasione per riscoprire la propria città, le suggestive vie del centro storico che sono lì da sempre ma che non abbiamo mai il tempo o l’interesse di percorrere.
Quante volte, magari durante la Fiera di San Settimio o nei giorni del Palio, usiamo quelle vie, quelle coste ripide, a scaletta con i sampietrini che ci ricordano il passato che fu, per sviare dalla folla o come scorciatoia per andare dal centro a Porta Valle?

Ma mai ci fermiamo ad osservare le case, le porte piccolissime che nascondono appartamenti piccoli ma chissà quanto belli e pregni di storie, quelle piazzette piccole, cortili curati, in fiore che ospitano una o al massimo due panchine, ma che raccontano tanta condivisione tra gli abitanti del centro storico.
Ecco, chi per lavoro o per altri motivi non può allontanarsi da Jesi, durante le sere d’estate ha la grandissima opportunità di riappropriarsi della propria città: godetevi Jesi da Piazza della Repubblica per poi proseguire verso via Pergolesi e affacciarsi sulla rinnovata Piazza Colocci.


Visitate luoghi o vie che non avete mai visto. Ogni strada, vicolo o Palazzo del centro cittadino trasuda di storia. Giù per Via Roccabella, raggiungere Costa Lombarda, Costa Baldassini, Piazza Nova fino a scendere verso Piazza Baccio Pontelli ammirando la grandezza del Torrione.
Ma di Jesi antica c’è tanto da scoprire. Munitevi di mappa e godetevi la vostra città.

Nelle ore più fresche girate a piedi, date un passo meno frenetico alla vostra quotidianità. Fate le cose con lentezza e magari regalatevi alcuni momenti per voi stessi, quelli che siete costretti a trascurare nel corso dell’anno: un gelato, la lettura di un libro seduti su una panchina. Semplicemente il silenzio.
La città vuota d’estate è anche occasione per vestirsi comodamente, magari per indossare quell’abito che vi piace tantissimo ma che per svariati motivi rimandate sempre di mettere. La città vuota d’estate è libertà, è uscire senza trucco, con i capelli acconciati in maniera un po’ spettinata.

In questo periodo ci sono meno auto in giro per le strade, approfittate per andare in bici insieme alla vostra famiglia, specialmente se avete bambini. Lo sport all’aria aperta è sempre un ottimo passatempo, anche in città, anche d’estate.

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.