"Vivi via degli Orefici", è il Natale dello shopping solidale con Pikkanapa e Confartigianato

JESI – Sulla scia del successo degli aperitivi solidali della scorsa settimana, l’associazione Pikkanapa e Confartigianato propongono per il prossimo week end una nuova iniziativa di sensibilizzazione verso le zone marchigiane colpite dal sisma. Si chiama “Vivi via degli Orefici”  ed è l’evento che abbina i sapori tipici del territorio alla solidarietà, organizzato con il patrocinio del Comune di Jesi e in collaborazione con Jesi Centro.

Oltre una trentina i produttori delle zone terremotate coinvolti che saranno presenti con i loro stand in piazza Colocci dal pomeriggio di sabato 17 fino a domenica 18 dicembre. Ad accompagnare lo shopping solidale, non mancheranno stand gastronomici con prodotti tipici e cioccolata calda, artisti di strada e animatori lungo via Pergolesi, musica dal vivo.

Dal 26 novembre scorso, l’associazione Pikkanapa dispone in centro di un punto vendita al civico 13 di via Pergolesi, bottega ben fornita non solo di prodotti alla Canapa, Peperoncino e Cioccolato ma anche di tipicità marchigiane provenienti da una ventina di produttori della zona colpite dal terremoto. “Obiettivo è dare una mano concreta a rilanciare l’economia di quelle aree  – fa sapere Leonardo Brunzini di Pikkanapa –  In questa bottega, diamo spazio e visibilità alle iniziative che trasmettono alla città un senso di solidarietà verso i piccoli produttori marchigiani che non sanno ancora come ripartire”.

Non manca l’attenzione verso la città e la volontà di valorizzare con iniziative via Pergolesi – ex via degli Orefici – cuore economico più antico di Jesi: proprio ieri, la bottega di Pikkanapa ha presentato la nuova pralina “Stupor Mundi”, dedicata al personaggio di Federico II, contenenti sapori della Sicilia e del Nord Africa, concentrati e mescolati in un unico cioccolatino.

“Ringrazio l’associazione Pikkanapa per aver dato spazio alla solidarietà, mostrando un senso forte di vicinanza e amicizia verso i piccoli produttori che rischierebbero di rimanere isolati e senza alcuna possibilità di risollevarsi in quelle zone dove anche il turismo è stato seriamente compromesso – sono le parole di Giuseppe Carancini di Confartigianato – Mantenere aperte le piccole imprese significa restituire vitalità al territorio: per questo lancio un appello all’Amministrazione comunale affinché  si continui a lavorare in sinergia a favore di iniziative di questo tipo, anche quando i riflettori su queste popolazioni si saranno spenti”. Alla richiesta di Carancini, risponde l’assessore al Commercio e Turismo Ugo Coltorti: “Ringrazio chi si adopera per esprimere solidarietà in maniera fattiva. Sicuramente, l’impegno sarà quello di proseguire su questa strada, valutando sempre nuovi progetti, anche d’intesa con gli altri Comuni del territorio.  Questo da Amministratore. Da cittadino, non posso che ringraziare coloro che si impegnano a tenere viva la città, sempre più vivace e appetibile grazie alle numerose iniziative presenti e alla nascita di nuove attività commerciali, uniche e di qualità”.

 

(Chiara Cascio)

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*