Le voci poetiche di Franca Mancinelli e Isabella Leardini alla Planettiana | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Le voci poetiche di Franca Mancinelli e Isabella Leardini alla Planettiana

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Chiusura al femminile con le poetesse Isabella Leardini e Franca Mancinelli, quella di ieri presso la sala maggiore della Biblioteca Planettiana, per la rassegna D.A.N.T.E. – Dialoghi sulla poesiA iN Tempi Estremi, iniziata lo scorso 23 ottobre e realizzata dall’Associazione Res Humanae con il supporto dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi, nell’anno della celebrazione di Dante Alighieri.

I quattro incontri con l’autore sono stati curati dalla poetessa e saggista Elisabetta Pigliapoco e da Maria Cristina Casoni, organizzatrice di laboratori ed eventi di poesia. Dopo i precedenti “dialoghi” tra creazione e ispirazione, poesia e canzone d’autore, disegno e scrittura, con gli autori Umberto Piersanti, Marco Marangoni, Umberto Fiori, Matteo Ferretti e Marino Neri, ieri 18 dicembre tema della serata è stata la poesia al femminile. Un femminile “plurale”, come recita il titolo dell’incontro: “Oggi dialogano le donne per raccontare la loro esperienza di poesia” ha introdotto Elisabetta Pigliapoco, “perché è necessario prendere la parola ed asserire la nostra esistenza letteraria”.

dante biblioteca planettiana

I testi di Isabella Leardini e Franca Mancinelli, accomunate dal giovane esordio entrambe all’età di 26 anni, sono apparsi nell’antologia “Nuovi poeti italiani” volume 6, a cura di Giovanna Rosadini, per la casa editrice Einaudi. Come ha sottolineato la moderatrice: “Quella della Rosadini di scegliere solo donne è stata un’operazione culturale. Le voci femminili prima di allora avevano sofferto di un silenzio forzato”.

Franca Mancinelli, autrice delle sillogi poetiche “Mala kruna”, “Pasta madre” e “Tutti gli occhi che ho aperto”, ha recentemente curato, insieme ad Antonella Anedda e Mariangela Gualtieri, “Tacete o maschi. Le poetesse marchigiane del ‘300”, risposta in versi alle giovani autrici marchigiane che nel Trecento costituirono un nucleo letterario di sole donne. Tuttavia, ha sottolineato l’autrice riprendendo Virginia Wolf, “L’artista è androgino, non è né uomo né donna. All’interno della creazione sono in una sorta di identità aperta, non rispondo a un genere né a una condizione umana. Cerco piuttosto di ascoltare anime di alberi, oggetti ed altri esseri non umani, proprio come ho fatto in Tutti gli occhi che ho aperto”. Ha proseguito poi sul senso della parola poetica oggi: “Nel nostro tempo l’energia creativa va custodita. La poesia è un dono che riceviamo, anche se non lo riceviamo per sempre. Ed è un’espressione che eredita, in tempi estremi, il compito di riportarci ad essere creatori. Se abbiamo una lingua poetica, abbiamo una forza, una nostra armatura”.

Leardini Mancinelli Pigliapoco

Nel corso dell’incontro le poetesse hanno dialogato citando importanti figure femminili della poesia italiana, come Amelia Rosselli, Alda Merini, Antonia Pozzi, Lalla Romano, Emily Dickinson e Sylvia Plath. Scrittrici che la stessa Leardini (autrice di “La coinquilina scalza”, “Una stagione d’aria” e “Domare il drago”) ha approfondito in un’antologia appena terminata e in prossima uscita. Dice sul tema: “Non possiamo pensare alla poesia delle donne senza guardare a una storia della cultura. Le donne hanno parlato del corpo perché sono anche state guardate come corpo. Si sono dovute confrontare con una doppia percezione di sé, data dallo sguardo dell’altro. Per lungo tempo hanno portato una voce marginale che è anche una voce di genere, della differenza”. Nella sua scrittura simbolica, altra forte immagine femminile è l’emblematica rondine bianca: “È un simbolo portante in Una stagione d’aria perché, come scrivo, nessuno la crede capace di arrivare dove tutte vanno, compie il suo cerchio senza il marchio della disperazione”.

L’incontro si è concluso con la lettura di testi dedicati a Santa Lucia, martire legata anche al territorio jesino. La sequenza di poesie scritte da Franca Mancinelli su Santa Lucia traggono infatti la loro ispirazione dalla pala d’altare conservata alla Pinacoteca di Jesi, dove Lucia è simbolo di una forza inerme che non si piega al volere nel mondo.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.