Volti invecchiati ovunque. E’ FaceApp, la moda social del momento

Dal web: la Ferragni e Fedez con il filtro di FaceApp

USERNAME – Ed eccoci alla nuova moda dei social, quell’azione virale che riempe le bacheche di ognuno, utilizzata da molti utenti, vip e dai social media manager di diverse aziende. Dalla foto arcobaleno passando per la Ice Bucket Challenge (il secchio di ghiaccio da rovesciarsi in testa) fino all’ancora presente Bottle Cup Challenge (aprire il tappo della bottiglia nei modi più disparati), sono diverse le azioni, i filtri o i video che di colpo, per motivi spesso ignoti, vengono utilizzati con appositi hashtag da milioni di utenti diventando il fenomeno del momento, dalla vita intensa ma breve.

La nuova moda è FaceApp, filtro invecchiamento. Si tratta di un’applicazione (a dire il vero disponibile già da tempo) per iOS e Android dove possiamo caricare una nostra foto e vedere il volto invecchiato di alcuni decenni. Attenzione però, non è un semplice filtro, il suo successo probabilmente è legato anche al realismo del risultato. La foto caricata non viene filtrata internamente ma inviata ai server di FaceApp dove un super computer, grazie a sistemi complessi di intelligenza artificiale, analizza scompone e rielabora il tutto, inviandoci poi il risultato.

L’aspetto ludico è assicurato con risultati esilaranti o persone che si stupiscono nel vedersi effettivamente simili ai propri genitori o nonni. L’utilizzo da parte di vip, da Totti a Fedez passando per Gassman, ne amplificano la curiosità. Ma, al solito, non mancano alcune polemiche legate a motivi di privacy.

Nella pagina della app dedicata all’uso delle informazioni infatti si legge che gli sviluppatori «potrebbe condividere i contenuti e le informazioni degli utenti con le aziende che fanno parte del gruppo di società di FaceApp». Inoltre c’è la questione del riconoscimento facciale, il metodo sempre più diffuso per sbloccare telefonini, e la mancanza di informazioni sul futuro dei nostri dati forniti nel caso in cui la compagnia che gestisce l’app fosse venduta ad un’altra società. Dubbi legittimi anche se chiunque metta online l’immagine del proprio volto con tanto di nome e dati personali (come ad esempio con un profilo sui social o un sito Internet), è già altamente vulnerabile… senza FaceApp.

Da segnalare l’utilizzo fatto dai social media manager di Taffo, da sempre tra i migliori e più noti del web. Questa l’immagine pubblicata dall’azienda funeraria con la dicitura: “A volte è meglio non sapere…”

 

Username, la rubrica di tecnologia e comunicazione, a cura di
Matteo Baleani

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*