Vuole bere birra senza pagare, poi minaccia il ristoratore con la bottiglia: arrestato - Password Magazine

Festival Pergolesi

Vuole bere birra senza pagare, poi minaccia il ristoratore con la bottiglia: arrestato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA -Voleva bere la birra senza pagarla e, davanti alle proteste del ristoratore, ha cosparso la pizza in vendita con la cenere della sigaretta che stava fumando. E’ accaduto ieri pomeriggio, intorno alle 17.30, in un locale di Corso Carlo Alberto, al Piano, dove è intervenuta il personale della Polizia.

Giunti sul posto le Volanti hanno rintracciato il cittadino di origini nigeriane, di circa 25 anni, il quale veniva colto nell’atto di brandire con fare minaccioso una bottiglia di birra, nei confronti del titolare dell’esercizio di ristorazione.

Il personale di Polizia cercava di riportare il 25enne a un comportamento consono, ma ogni tentativo risultava inutile, in quanto il giovane diventava violento spintonando gli operatori e tentando di colpirli con la bottiglia di birra. I poliziotti pertanto si sono visti costretti ad intervenire per bloccarlo fisicamente. Il 25enne è stato così immobilizzato e tratto in arresto per resistenza. Condotto in Questura ed effettuati gli accertamenti di rito, risultava essere già noto agli archivi di Polizia per reati in materia di ricettazione nonché non in regola con il permesso di soggiorno.
In data di stamani il GIP di Ancona hanno provveduto a convalidare l’arresto, disponendone il rilascio al termine dell’udienza.

L’alcol è stato protagonista anche di un secondo intervento, sempre in corso Carlo Alberto, avvenuto vicino ad una panchina. Un rumeno residente ad Ancona è stato multato perché stava bevendo della birra, violando così l’ordinanza comunale che ne impedisce il consumo all’aperto in tutte le 24 ore. L’uomo avrebbe anche polemizzato con gli agenti dicendo loro se «non avessero cose più importanti di cui occuparsi». Per lui è scattata la sanzione amministrativa.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.