Yasmine muore a 20 anni, la città in lutto | Password Magazine

Yasmine muore a 20 anni, la città in lutto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Yasmine, come suo padre, era iscritta al gruppo di Protezione civile Nucleo Volontariato CB-OM

JESI – La città di Jesi in lutto per la morte di una giovane ragazza di 20 anni, Yasmine, figlia di Youssef Wahbi, ex presidente del Centro culturale islamico.

La ragazza si è spenta per un’emorragia cerebrale: a darne notizia è proprio il papà, distrutto, che ha dato la triste notizia sui social: «Nostra figlia è morta di sangue nel cervello, pregate per lei con misericordia e perdono. Ciao Amore di papà» .

Tante le parole di cordoglio arrivate non solo da membri della comunità islamica ma anche da molti jesini che ben conoscono la famiglia Whabi, sempre impegnata a favore della collettività, e che hanno voluto manifestare il proprio dolore davanti alla sconvolgente notizia.

«Yasmine era la figlia che tutti vorrebbero», «la figlia di un uomo sempre a disposizione della comunità» si legge proprio nei commenti.

A ricordarla anche i soci dell’ Associazione di Protezione Civile Nucleo Volontariato CB-OM Jesi, attraverso le parole del presidente Egidio Angelini, che esprimono le loro più sentite condoglianze «al collega Youssef Wahbi e alla sua famiglia per la perdita improvvisa della amata figlia Yasmine che animata da grande spirito di volontariato era appena entrata a far parte del nostro gruppo».

Condoglianze espresse anche in sede di Consiglio comunale dal sindaco Massimo Bacci: «Mi stringo al dolore della famiglia di Youssef per la perdita di Yasmine, la cara figlia di 20 anni». La notizie terribile commentata anche dal presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi che ha parlato di una tragedia che «ha colpito violentemente la famiglia di una persona straordinaria come Youssef», e da altri consiglieri che hanno espresso la loro vicinanza al papà.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.