"Zanetto" di Mascagni per la prima volta sulla scena di Jesi | | Password Magazine

“Zanetto” di Mascagni per la prima volta sulla scena di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Terza produzione dell’edizione 2015 del Festival dell’Opera da Camera delle Marche -che ha già visto in cartellone “La serva padrona” di Pergolesi e “La traviata” di Verdi, entrambe con un trionfale successo- va in scena domenica 24 maggio presso il Teatro di Palazzo Colocci a Jesi un’autentica rarità musicale, che è anche una primizia assoluta per la pur ricca tradizione lirica della Città: l’opera in un atto “Zanetto”, capolavoro di estetismo fin de siècle di Pietro Mascagni, che nella sua raffinatissima scrittura musicale prelude già alle atmosfere decadenti e introspettive del nuovo secolo mostrando la variegata potenzialità di vena artistica dell’autore di Cavalleria rusticana, con atmosfere rarefatte e modernissime per l’epoca nel raccontare una storia d’amore impossibile tra anime di natura e vissuto troppo diversi.

Su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci, dalla commedia Il viandante (Le passant) di François Coppée portata in scena per la prima volta da Sarah Bernhardt a Parigi nel 1869 e tradotta in italiano nel 1872 da Emilio Praga, Zanetto è stata rappresentata per la prima volta il 2 marzo 1896 al Teatro “Pedrotti” di Pesaro, allora come oggi Auditorium del Liceo musicale “Rossini”, di cui Mascagni era da poco stato nominato direttore.

L’opera segna stilisticamente una cesura tra la prima parte della produzione dell’Autore -intrisa di elementi sia veristici che idillici e romantici- e i suoi lavori più maturi, proiettati ai futuri sviluppi poetici e musicali del nuovo secolo: una sorta di punto di svolta tra il Mascagni istintivo e attratto dal verismo delle opere precedenti –come Cavalleria rusticana, Rantzau, Guglielmo Ratcliff, Silvano– e quello anticipatore che guarda invece al nuovo mondo del Novecento, allo stile floreale e al decadentismo di suoi lavori successivi come Iris e Isabeau. In proposito, lo scrittore e critico Ugo Ojetti la descrive come “la sua opera più organica, più originale e più continuata. Una sola nota tolta o aggiunta o mutata danneggerebbe il gioiello”. Pur se rappresentata sui palcoscenici più famosi del mondo, Zanetto nei suoi 110 anni dal debutto non conta ancora che poche decine di edizioni importanti: nello stesso panorama teatrale di Jesi, nonostante la notevole tradizione lirica locale, l’opera non è mai arrivata e la sua proposta da parte del Festival dell’Opera da Camera assume il prestigio ed il rilievo storico di presentarla al pubblico locale per la prima volta assoluta.

L’opera è ambientata in epoca rinascimentale, a Firenze: Silvia, un’avvenente e ricca cortigiana turbata dalla propria incapacità di riuscire a provare un qualsiasi sentimento amoroso, resta turbata dall’incontro con lo slancio ingenuo e prorompente di Zanetto, giovane poeta e cantore girovago. L’azione –tutta psicologica e interiore- è data dallo scavo nell’animo dei due protagonisti: “Silvia”, donna inquieta e sospesa tra rimorso della vita che conduce e il rimpianto di quella che avrebbe potuto condurre, con un senso del destino fatale contrapposto alla coscienza della realtà vissuta, mostra i segni della donna moderna, novecentesca, combattuta e consapevole del suo tormento interiore; “Zanetto”, scritto musicalmente per mezzosoprano, è uno degli ultimi ruoli en travesti del teatro lirico italiano e tratteggia con delicatezza il giovane trovatore, sognatore e poco esperto della vita. La musica delinea con acume e trasporto i contrasti tra la disillusione d’amore di una donna di esperienza e l’appassionata attesa di un ragazzo in cerca dell’amore: il disarmante candore del giovane non avrà tuttavia la meglio sulla cortigiana, che seppure in lacrime non vuole infrangergli i sogni e respinge Zanetto con dolcezza, ritrovando però la consapevolezza della capacità di tornare ad amare.

Il nuovo allestimento dello spettacolo, prodotto dal Festival che lo propone nella versione cameristica storica realizzata per pianoforte da Amintore Galli, vede in scena due artiste marchigiane emergenti: Chiara Malvestiti è “Silvia”, mentre Sara Rocchi è “Zanetto”, con Rosita Tassi al pianoforte, la regia di Gianni Gualdoni e i costumi di Giuliana Gualdoni.

Al termine della rappresentazione, come consuetudine conviviale del Festival, “vino d’onore” per il pubblico in compagnia degli artisti, offerto dall’Associazione Italiana Sommeliers. Ingresso unico € 15.

Visti i pochi i posti disponibili nel Teatro da Camera di Palazzo Colocci, si consiglia di prenotare per tempo: 0731-4684; 338-8388746; info@fondazionelanari.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.