Zanzare al Carlo Urbani anche in inverno. Ricoverata e punta: «È stato un incubo» | | Password Magazine

Zanzare al Carlo Urbani anche in inverno. Ricoverata e punta: «È stato un incubo»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Incubo zanzare al Carlo Urbani, anche d’inverno.  I fastidiosissimi insetti rappresentano un vero tormento per i pazienti, anche nella stagione più fredda. Una situazione intollerabile anche per i familiari che assistono.

«Una vera e propria invasione – racconta la nuora di un’anziana di 78 anni, ricoverata al reparto di Medicina durante le Feste -. C’erano zanzare in ogni stanza. Se si provava a schiacciarle, il risultato era lasciare macchie di sangue su pareti e porte. Oltre al disagio, era costante il timore della trasmissione di malattie tra un paziente e un altro. È stato un incubo». I livelli più interessati dalle zanzare sono il quarto e il quinto livello: l’unica soluzione è scegliere di non aprire la finestra e rinunciare così al riciclo d’aria.  «Ci siamo rivolti al personale ma anche gli addetti in corsia sono esasperati- spiega la donna – Un signore è anche passato a disinfettare ma la situazione non è migliorata: questi animali entrano dalle finestre e fuori dall’ospedale ne è pieno».

Durante la permanenza, l’anziana è stata bersagliata dagli insetti che le hanno lasciato una decina di punture sulla fronte: «Avevamo portato uno spray per allontanarle ma durante la prima notte mia suocera era costretta a letto, con sondino e manopole – racconta la nuora – su di lei le zanzare hanno bivaccato al punto che ha dovuto suonare il campanello d’emergenza per essere aiutata. L’indignazione è tanta».

Disinfestazioni sono state effettuate durante l’estate scorsa nelle aree verdi e l’intervento avrebbe riguardato anche le vasche di raccolta sotto l’ospedale, dove si accumulerebbe l’acqua. «Finito il caldo e la bella stagione, non è stato fatto più nulla – commenta il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori -. Le zanzare però ci sono anche a gennaio e sono presenti anche al Cup e al Pronto soccorso. La disinfestazione andrebbe ripetuta in modo continuativo, perché basta un ristagno che gli insetti si rigenerano». Il Tribunale per i Diritti del Malato da tempo chiede alla direzione di installare pompe di sollevamento nei sotterranei del nosocomio: «Bisogna tutelare i pazienti più fragili e immunodepressi dal rischio di puntura».

La Direzione Medica dell’ospedale Carlo Urbani di Jesi, d’altra parte, sostiene che le disinfestazioni dalle zanzare vengono eseguite periodicamente e regolarmente, come da appalto. In casi eccezionali, vengono effettuate disinfestazioni aggiuntive». E aggiunge: «Ad oggi né l’Ufficio Relazioni con il Pubblico né la Direzione Medica di Presidio hanno ricevuto segnalazioni in merito. Si fa inoltre presente che le temperature superiori alle medie stagionali registrate fino a due settimane fa hanno creato situazioni favorevoli alla proliferazione, anche considerata l’ubicazione dell’ospedale, circondato dal verde. Nonostante la presenza dei climatizzatori eviti l’apertura delle finestre, risulta impossibile garantire al cento per cento l’assenza delle zanzare».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.