Zanzare al Carlo Urbani, "tante e anche grosse": paziente scrive al consigliere Animali (Jesi in Comune) | Password Magazine

Zanzare al Carlo Urbani, “tante e anche grosse”: paziente scrive al consigliere Animali (Jesi in Comune)

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il consigliere comunale Samuele Animali (Jesi in Comune) riceve e pubblica sul sito di Jesi in Comune una lettera firmata da un cittadino ricoverato all’ospedale Carlo Urbani:

“Spesso, quando si parla di sanità siamo tutti concentrati sui grandi temi: le liste d’attesa, il funzionamento del Pronto Soccorso, la carenza di personale ecc., dimenticando che esistono anche questioni, apparentemente marginali, ma che credo abbiano invece la loro rilevanza. E sono questioni, come dire, basilari, l’ABC. Questioni, tra l’altro, che rischiano di mettere ingiustamente in ombra la grande disponibilità, professionalità, dedizione con cui opera quotidianamente il personale (tutto) e che ho trovato davvero straordinario.

Veniamo al punto.
Io trovo assolutamente deprimente e assurdo che i reparti ospedalieri siano letteralmente invasi da zanzare!! Tante e anche grosse!!

Quando stavo in reparto assieme al mio vicino di letto ogni sera ne ammazzavamo almeno una quindicina e nonostante tutto la mattina ci ritrovavamo con diverse pizzicature e relative bolle. Personale, pazienti e parenti erano imbufaliti, sia per il fastidio ma anche, e soprattutto, per la preoccupazione, per niente infondata, di possibili trasmissioni di germi e batteri trasportati dagli stessi insetti.

La Direzione Sanitaria, in maniera tipicamente Italiana ha fatto apporre cartelli in tutte le finestre raccomandandosi di tenerle chiuse per garantire il buon funzionamento del sistema di climatizzazione ed evitare l’ingresso di insetti.
Come a dire: se in una stanza ci sono 15 gradi (nella mia dormivamo con la coperta di lana) e in un’altra 28 e il reparto è pieno di zanzare, la colpa è di chi lascia porte e finestre aperte. Noi non c’entriamo. Classico atteggiamento autodifensivo della burocrazia.

Ho sentito parlare di raccolte firme e petizioni da far girare tra i pazienti ed i parenti, ovviamente sostenute da tutto il personale anch’esso esausto e molto arrabbiato per questa situazione …

In fondo penso sia sufficiente mettere zanzariere a porte e finestre, ma evidentemente chi governa il sistema è preso da questioni ritenute, sbagliando, più importanti”.

“Ogni anno in questo periodo la stessa storia. Possibile che non esista soluzione? – si interroga sui social il consigliere Animali – Che cosa fa, che cosa hanno fatto la direzione dell’AV2? E il Sindaco? “.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.