Zona Giardini, 650 mila euro per videosorveglianza, Wi-Fi e luci a led

JESI – Punta a concorrere ai finanziamenti europei gestiti dalla Regione Marche il progetto predisposto dall’Area Servizi Tecnici per la riqualificazione della pubblica illuminazione in Viale Cavallotti, giardini pubblici, Via Grecia e Via Staffolo, con l’integrazione di impianti di videosorveglianza e Wi-Fi libera per tutti. Un progetto licenziato dalla Giunta e inviato in Regione, per un investimento complessivo di circa 650 mila euro, con l’obiettivo di entrare in graduatoria e vedersi finanziata buona parte della spesa.

Nel dettaglio l’intervento prevede la sostituzione di tutti gli apparecchi illuminanti di tale area, con nuovi modelli a led, ciascuno dei quali dotato di telecontrollo e telegestione che permette di rilevare i parametri di funzionamento, gestire la riduzione del flusso luminoso, rilevare guasti sugli apparecchi. Verranno mantenuti i sostegni esistenti, salvo una manutenzione di quelli deteriorati, con integrazione di ulteriori punti luce laddove serva per migliorare la visibilità su strada, marciapiedi e piste ciclabili. Saranno sostituite le sfere di cristallo lungo Viale Cavallotti ed i “funghi” ai giardini, con apparecchi di arredo urbano migliori. Il tutto attraverso adeguati nuovi quadri elettrici di comando.

Contestuale al miglioramento della pubblica illuminazione, il progetto prevede la videosorveglianza dell’intera area con telecamere che saranno distribuite in punti strategici delle strade e del parco, attraverso una dorsale in fibra ottica per la trasmissione delle immagini che dalla sala operativa del Comune, attraverso corso Matteotti, raggiungerà Viale Cavallotti percorrendolo interamente fino all’incrocio con Via del Burrone e Via Jugoslavia. La dorsale in fibra ottica, oltre a collegare le telecamere, offrirà il supporto per la trasmissione dati del servizio di Wi-Fi libero nella zona per soddisfare la connessione di cittadini e turisti e di telecontrollo dell’illuminazione pubblica. La dorsale potrà inoltre supportare eventuali altre estensioni dell’impianto di videosorveglianza, così come di altri servizi alla cittadinanza all’interno del concetto di “smartcity” quali, ad esempio, pannelli informativi a messaggio variabile, gestione del traffico, dei semafori e dei parcheggi, gestione del bike-sharing o future colonnine di ricarica di auto elettriche, gestendo tutto da remoto in un unico centro.

L’intero progetto, oltre ad ampliare i servizi per la comunità, comporta un risparmio in termini energetici – e di conseguenza anche economici – particolarmente rilevanti, puntualmente elencati nel progetto che concorre al bando per la concessione del cofinanziamento.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*