«Zugzwang», il romanzo western dell'avvocato e scrittrice Alessandra Pierandrei | Password Magazine
Banner4Baffi

«Zugzwang», il romanzo western dell’avvocato e scrittrice Alessandra Pierandrei

Alessandra Pierandrei

JESI – Avvocato di professione, scrittrice per passione. Di romanzi western, per giunta. È Alessandra Pierandrei, jesina, «31 anni all’anagrafe ma niente di serio» dice di sé, autrice del romanzo «Zugzwang – Il dilemma del pistolero» edito da Nativi Digitali Edizioni e disponibile dal 30 giugno scorso. Un libro di 186 pagine, inserito nella collana ‘Storie’, acquistabile in versione e-book e cartaceo anche su Amazon.

Zugzwang
Zugzwang

«Scrivere un libro era il mio sogno nel cassetto da sempre – racconta Alessandra – la scrittura infatti è l’unico interesse che è davvero rimasto costante nella mia vita. È stato soltanto dopo aver frequentato un corso presso la scuola Comics di Jesi, ora ribattezzata Acca Academy, però, che ho davvero avuto gli strumenti per mettermici d’impegno».

«Zugzwang – Il dilemma del pistolero» non racconta solo la storia di un viaggio avventuroso, ma anche uno scorcio sul passato e presente di un variegato e affascinante gruppo di personaggi, restituendoci un’accurata e appassionante rappresentazione di drammi e amenità ai tempi del Selvaggio West, dove non è tutto oro nero quel che luccica.

«La scelta del genere è stata del tutto casuale – aggiunge l’autrice -. Avevo iniziato a scrivere un racconto su uno studente di giurisprudenza in crisi (in questo caso ogni riferimento a fatti o persone, invece, è tutt’altro che casuale!), a seguito di un esercizio del corso di scrittura: molto banalmente il mio protagonista si era addormentato sui libri davanti alla TV, che in quel momento trasmetteva un vecchio western, Cimarron. Ho scritto la scena che poi è confluita nel primo capitolo e, sebbene fosse fine a se stessa, perché il racconto poi prendeva altre strade, mi era rimasta in testa e mi sono fatta un po’ di domande al riguardo: perché lo straniero cerca questo famoso pistolero? E perché questo famoso pistolero ha appeso le Colt al chiodo? Ci ho ragionato, ho unito i puntini ed è venuta fuori una storia, che poi ha avuto la fortuna di destare l’interesse di una bella casa editrice indipendente».

Il libro narra le vicende di Jasper Stevenson, considerato tra i migliori pistoleri del West, che ha da tempo
appeso le Colt al chiodo per trasferirsi nel pacifico Oregon. In una delle tante giornate trascorse tra le bottiglie e i fantasmi di antichi drammi, l’ex-pistolero viene disturbato da un’offerta di lavoro del ricco imprenditore Barnett, uno di quelli che non sanno accettare un “no” come risposta. Quando le carte vengono scoperte, un dilemma scuote l’indolenza di Jasper: tenere chiuse le porte del proprio scottante passato, con il rischio che venga fatto del male a persone a lui care, o aprirle, al costo di dover finalmente fare i conti con se stesso? Come spesso accade, vince il «male minore», o almeno quello che è ritenuto tale…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.