Categories: Jesi

Una quercia per Padre Puglisi, al Giardino dei Giusti della scuola “Leopardi”

JESI – La Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, ieri 21 marzo, è stata celebrata alla scuola “Leopardi” con la piantumazione di una quercia intitolata a Padre Pino Puglisi, nel Giardino dei Giusti antistante l’edificio scolastico. Una cerimonia molto partecipata, alla presenza di alunni, docenti e famiglie, del dirigente dell’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani” Gilberto Rossi, dell’assessora Emanuela Marguccio e dei volontari delle associazioni di antimafia sociale Libera e Movimento Agende Rosse.

“Ad ogni albero corrisponde un giusto e questo è il secondo che piantiamo”, ha spiegato la professoressa Noemi Lancioni, docente della scuola secondaria di I grado ‘Leopardi’ che ha moderato l’evento. “Il nostro Giardino dei Giusti è stato inaugurato lo scorso anno con un frassino dedicato a Carlo Urbani”, medico che ha identificato la Sars al quale è titolato il Comprensivo. “L’albero pianta le sue radici nella terra per poi slanciarsi verso l’alto” ha aggiunto il dirigente Gilberto Rossi, “segno di speranza, rigenerazione e giustizia”.

La mattina, accompagnata dalle esecuzioni musicali degli studenti, ha visto gli alunni della scuola impegnati nel racconto della vita di Padre Pino Puglisi, 3P come veniva chiamato, sacerdote ucciso a Brancaccio da Cosa Nostra e ricordato per il grande impegno rivolto a bambini e ragazzi. “Pino Puglisi è un giusto da ricordare, ha tolto i giovani dalle grinfie delle mafie”, ha sottolineato l’assessora Emanuela Marguccio, portando i saluti del sindaco Fiordelmondo e dell’amministrazione comunale. “Siamo orgogliosi di avere in città scuole come la vostra”.

La cerimonia d’inaugurazione della quercia, durante l’intervento dell’assessora Marguccio

Tra le installazioni artistiche allestite dagli studenti durante la cerimonia, un puzzle tridimensionale di scatole raffigurante il volto del sacerdote e 4 manifesti realizzati con il plotter della scuola che riportano 4 celebri frasi di Padre Puglisi: “Solo se si è amati si può cambiare”; “Saper ascoltare significa andare oltre le parole per entrare nel mondo interiore dell’altro; “Non ho paura delle parole dei violenti ma del silenzio degli onesti”, “Se ognuno di noi fa qualcosa, insieme possiamo fare molto”.

Il puzzle di scatoloni realizzato dagli studenti
I manifesti con le frasi di Padre Puglisi realizzati dagli alunni con la stampante-plotter della scuola

Slogan del 21 marzo 2024 è ‘Roma città Libera’, ha spiegato Claudia Giacomini, volontaria del presidio senigalliese di Libera. “Roma e il Lazio sono particolarmente interessati dal fenomeno mafioso che, sempre più subdolo, s’insinua nell’economia, negli affari e nel gioco d’azzardo. Solo con conoscenza e consapevolezza si può far fronte a quanto sta accadendo”. L’attivista ha poi rivolto un augurio agli studenti: “Fatevi tante domande e appassionatevi a quello che studiate. Amatevi dentro le famiglie e la scuola perché è il seme di tutto, come lo è questa pianta”.

“Questa piantina creerà connessioni, proprio come ha fatto Padre Puglisi”, ha annotato la professoressa Maria Teresa Mancia del Movimento Agende Rosse. “La prima cosa che 3P ha scoperto è che da solo non poteva niente, la seconda è che c’erano troppi bambini per strada, in un quartiere in mano alla malavita dei fratelli Graviano. Non c’erano nemmeno le scuole medie, sorgeranno sette anni più tardi, a testimonianza del segno rivoluzionario lasciato da Puglisi. Agende Rosse vi augura di cercare il fine delle vostre vite, ma in cose anche più grandi di voi”. “Questa quercia non è che il segno della forza che certi esempi possono lasciare”, ha aggiunto la professoressa Claudia Surace del Movimento.

Quello su Puglisi è, per gli studenti della Leopardi, un percorso già iniziato da tempo. Le classi terze hanno infatti letto le riflessioni scaturite dall’incontro, tenuto lo scorso 15 marzo, col giornalista sotto scorta Paolo Borrometi, autore del libro “Siate rompiscatole. La storia di Padre Pino Puglisi raccontata ai ragazzi e alle ragazze”, che riprende nel titolo l’esortazione del sacerdote a rompere le scatole e a dare fastidio all’antistato. “Ammiriamo molto il giornalista”, hanno letto i ragazzi, “è consapevole di essere a rischio ma continua a fare la sua parte. Non so se abbiamo tutti lo stesso coraggio di Puglisi e Borrometi, non è facile convivere con la paura, ma ciò che la mafia non ci può togliere è il diritto di costruire i nostri sogni e di ragionare con la nostra testa per costruire un futuro migliore”.

Prima della piantumazione le alunne Alice Ulissi e Giulia Giacomini hanno illustrato il logo dedicato alla quercia, da loro realizzato: “La casa aperta simboleggia l’accoglienza del centro parrocchiale di Puglisi; l’albero, dalle radici alle foglie, il supporto offerto ai ragazzi di Brancaccio”.

Il logo della quercia di Padre Puglisi, realizzato da due studentesse

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Angela Anconetani

Articoli Recenti

Falso permesso per disabili: denunciato e sanzionato

JESI - Aveva lasciato la propria auto in sosta su un parcheggio riservato alle persone con disabilità, esibendo un contrassegno…

2 mesi ago

Open Day per rilascio passaporti

JESI - Si comunica che nelle giornate del 13 e 27 aprile p.v., nella fascia oraria 8/13, il Commissariato di…

2 mesi ago

Carlo Urbani di Jesi centro di riferimento per la chirurgia della tiroide e delle paratiroidi.

JESI - L’Unità Operativa Complessa di Chirurgia dell’Ospedale “Carlo Urbani” di Jesi, diretta dal Dr. Roberto Campagnacci, ha ricevuto un…

2 mesi ago

Jesi, scontro tra autobus e due vetture: un ferito

JESI - I vigili del fuoco sono intervenuti alle ore 14 circa, per un incidente stradale che ha coinvolto due…

2 mesi ago

Controlli nel week end, una denuncia per detenzione di droga

CHIARAVALLE - Nel corso del fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Jesi hanno intensificato i controlli nei luoghi della…

2 mesi ago

Funerali di Andreea, l’ultimo saluto di famiglia e amici: “Impossibile un mondo senza il tuo sorriso”

JESI – Due mesi dopo il ritrovamento del corpo di Andreea Rabciuc, la 27enne scomparsa il 12 marzo 2022 in…

2 mesi ago