Lo stato delle carceri marchigiane, un convegno

JESI – Arci Jesi Fabriano e NotteNera hanno inaugurato “Scolpire il movimento”, progetto di narrazione creativa, in collaborazione con il PRAP (Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria) di Bologna e con il partenariato di Arci Pesaro Urbino, che ha portato il cinema di animazione all’interno degli istituti penitenziari di Ancona Montacuto, Villa Fastiggi di Fossombrone e Casa circondariale di Fermo. Tre i cortometraggi prodotti, sul tema del ricordo, attraverso la pratica stop motion, durante un ciclo di laboratori condotti da maestri animatori, all’interno di un progetto regionale in risposta all’avviso pubblico dell’Ambito sociale di Fossombrone ATS7, sostenuto dalla Regione Marche.

Annota Giulia Torbidoni, Presidente di Antigone Marche, associazione di tutela dei diritti umani nel sistema penitenziario, sullo stato delle carceri italiane e marchigiane: “L’emergenza è la struttura e il carcere è il frontespizio che riassume e condensa tutto quello che la società porta con sé. La spina dorsale di Antigone è infatti l’osservatorio sulle condizioni di detenzione. Ad oggi il 67 per cento delle persone in carcere ricommetterà reati. L’istituzione carcere dovrebbe dunque correggere il tiro, ma serve un cambio di mentalità all’esterno, il fuori è la vera chiave di volta”.

Sul sovraffollamento denuncia il rischio di tornare alle condizioni del 2012: “Ad oggi le carceri italiane dispongono di 51mila posti, ma le persone sono molte di più, lo strumento non rispetta i limiti della legge. Nel 2012 eravamo arrivati a 67mila presenze, una soglia oltre la quale si parla di tortura e dalla quale si è corsi ai ripari. Ora la popolazione detenuta sta aumentando, s’inaspriscono le pene e vengono introdotti nuovi reati, influendo sulle condizioni di vita dei detenuti, ma anche sul lavoro di polizia e personale sanitario. Il sovraffollamento delle carceri è una spia sociale”.

Samuele Animali, in duplice veste di assessore ai servizi sociali e rappresentante di Antigone, insiste sul carcere come parte integrante della società: “Non è un luogo separato, ci riguarda direttamente. È sbagliato parlare di ‘emergenza carceri’, lo stato attuale degli istituti penitenziari è qualcosa di socialmente costruito e voluto che ci portiamo dietro da anni e anni, senza investire in termini di politiche. Non può essere un luogo di pena e sofferenza, una sorta di discarica sociale”. Conclude Torbidoni: “Il carcere invece dovrebbe essere quel posto dove le persone incontrano opportunità che prima non hanno avuto, soprattutto se vengono da luoghi dove non c’è lo Stato”.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Angela Anconetani

Articoli Recenti

Falso permesso per disabili: denunciato e sanzionato

JESI - Aveva lasciato la propria auto in sosta su un parcheggio riservato alle persone con disabilità, esibendo un contrassegno…

2 mesi ago

Open Day per rilascio passaporti

JESI - Si comunica che nelle giornate del 13 e 27 aprile p.v., nella fascia oraria 8/13, il Commissariato di…

3 mesi ago

Carlo Urbani di Jesi centro di riferimento per la chirurgia della tiroide e delle paratiroidi.

JESI - L’Unità Operativa Complessa di Chirurgia dell’Ospedale “Carlo Urbani” di Jesi, diretta dal Dr. Roberto Campagnacci, ha ricevuto un…

3 mesi ago

Jesi, scontro tra autobus e due vetture: un ferito

JESI - I vigili del fuoco sono intervenuti alle ore 14 circa, per un incidente stradale che ha coinvolto due…

3 mesi ago

Controlli nel week end, una denuncia per detenzione di droga

CHIARAVALLE - Nel corso del fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Jesi hanno intensificato i controlli nei luoghi della…

3 mesi ago

Una quercia per Padre Puglisi, al Giardino dei Giusti della scuola “Leopardi”

JESI – La Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, ieri 21 marzo, è stata celebrata alla…

3 mesi ago