Settimana mondiale, anche a Jesi "Meno Sale, più Salute" | | Password Magazine

Settimana mondiale, anche a Jesi “Meno Sale, più Salute”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La dott.ssa Letizia Saturni

JESI – Dal 20 al 26 marzo si svolgerà la settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale promossa dal WASH (World Action on Salt & Health) e SINU ( Società Italiana di Nutrizione Umana). Anche le case di cura Villa Serena (Jesi) e Villa Igea (Ancona) aderiscono alla campagna con una serie di iniziative mirate alla prevenzione contro ipertensione e malattie cardiovascolari.

Tema specifico della campagna 2017 è infatti quello dei danni per lungo tempo “silenziosi” dell’abuso di sale, che si traducono in un progressivo aumento della pressione arteriosa e che possono condurre nell’arco di alcuni anni a malattie cardiache, ictus cerebrale e malattia renale cronica.

Piramide del sale

Nella realtà delle abitudini di consumo in Italia resta aperta il problema del sale che si ritrova nei prodotti come pane e altri derivati dei cereali, salumi, formaggi e altri alimenti. Al consumatore non viene offerta alcuna notizia circa la quantità di sale (sodio) presente in quello che acquisto. Ecco perché per scegliere con più attenzione è importante imparare a leggere l’etichetta. Un alimento che ne contiene da 0,3 a 1 -1,2 g su 100 g di prodotto significa si trova ad un livello intermedio di salinità lungo la piramide del sale (qui a lato).

In questo senso, si inserisce l’iniziativa del Reparto di riabilitazione cardiopolmonare di Villa Serena dove la dottoressa Letizia Saturni, Health Zen Coach professionista e specialista in Scienze dell’Alimentazione venerdì 24 marzo dalle ore 14.00 alle ore 15.00 incontrerà i pazienti e i familiari per affrontare il tema “Meno Sale, più Salute: perché è importante ridurne il consumo e come riuscire a farlo”.

“In passato, il sale non veniva utilizzato in cucina per insaporire i piatti ma per conservare i cibi: se paragonassimo l’intera storia dell’uomo ad un giorno, l’uso del sale riguarderebbe solo gli ultimi tre minuti – spiega la dott.ssa Saturni – Ne va limitato il consumo: la dieta mediterranea si presta bene alla sostituzione del sale con spezie ed erbe aromatiche che insaporiscono comunque gli alimenti e che sono inoltre ricchi di molecole bioattive antiossidanti che preservano la salute”.

Quindi mangiare con gusto e di gusto, con uno sguardo al benessere: “Attenzione anche all’utilizzo dei cosiddetti sali alternativi (integrale, iodato, iposodico, Kosher, alle erbe e così via): non fanno comunque bene – spiega la specialista – Migliore degli altri, il sale dell’Himalaya perché ricco di minerali ma attenzione alla provenienza…che sia davvero dell’Himalaya!”.

Sul sito del SINU è disponibile un questionario on line per valutare il proprio consumo di sale.

Ecco semplici regole da seguire a casa con tutta la famiglia e nei pasti fuori casa: 

  1. quando fai la spesa, controlla sempre le etichette nutrizionali
  2. scegli prodotti con un contenuto di sale compreso tra 1 e 1.2g/100g
  3. prediligi sempre prodotti freschi e non conservati e/o trasformati dall’industria
  4. riduci il consumo di piatti pronti, sughi pronti e di cibi in scatola insaporisci i cibi con erbe aromatiche, spezie o limone e aceto
  5. latte e derivati, ottime fonti di calcio, contengono anche sale dunque scegli sempre formaggi freschi
  6. abituati ad aggiungere sempre meno sale alle tue ricette evita di mettere a tavola la saliera
  7. non aggiungere sale alle pappe dei tuoi bambini, loro non ne hanno e non ne sentono la necessità: non essere tu ad introdurre le cattive abitudini!
  8. scegli sempre , come spuntino, frutta o spremute piuttosto che snack salati
  9. reintegra con acqua, i liquidi perduti con la sudorazione durante l’attività sportiva leggera
  10. latte e derivati, ottime fonti di calcio, contengono anche sale dunque scegli sempre formaggi freschi

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.