Accoglienza creativa e richiedenti asilo, Comune valuta soluzioni | | Password Magazine

Accoglienza creativa e richiedenti asilo, Comune valuta soluzioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il 21 marzo scorso il PD Jesi, tramite le parole del capogruppo Osvaldo Pirani, ha illustrato l’ interpellanza presentata in Consiglio Comunale in cui chiedeva quali provvedimenti l’Amministrazione Comunale intendesse mettere in atto sul tema dell’accoglienza creativa finalizzata a riconoscere l’iscrizione anagrafica ai richiedenti asilo che viene negata dal Decreto sicurezza.

A rispondere sull’argomento è stato il Dirigente Mauro Torelli che ha illustrato gli impegni presi attraverso la risoluzione approvata in data 24 gennaio ovvero quello di attivare tavoli di dialogo con gli altri comuni della Vallesina, fare un confronto con i soggetti del III settore ed infine una valutazione per consentire la procedura di richiesta di iscrizione anagrafica diretta dopo tre mesi di dimora abituale.

«In questo periodo- ha detto Torelli-  si è svolta un’attiva di studio attraverso incontri e convegni».

Qualche giorno fa infatti si è svolto un convegno a cura dell’Asp sul decreto sicurezza e sulle sue applicazioni che ha visto la partecipazione degli avvocati appartenenti all’ASGI (Associazione Nazionale sugli Studi Giuridici sull’immigrazione) mentre nel mese di febbraio si è tenuto a Jesi un convegno della ANUSCA (Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d’Anagrafe) per condividere con gli esponenti della Vallesina l’analisi della risoluzione proposta dal Comune di Jesi e discutere la normativa del Decreto Sicurezza.

«Dall’approfondimento del confronto – ha proseguito Torelli – è emersa la possibilità di adottare nei casi specifici, valutati caso per caso, la sentenza della Cassazione 1738 del 1986 che entra nel merito del diritto di residenza». Questa sentenza prevede il riconoscimento della residenza dopo tre mesi di dimora abituale ma non si può indicare tale sentenza come procedura generale per la richiesta di anagrafica in quanto viene prevista solo per casi specifici.

C’è un’altra soluzione individuata dal Comune di Milano e seguita da vari Comuni d’Italia che non è quella di effettuare un’iscrizione anagrafica vera e propria perché entrerebbe in conflitto con il Decreto Salvini ma piuttosto istituire un registro a valenza locale, che riconosce i diritti essenziali che sono contenuti nella residenza.

«In questi mesi – ha preciso il Dirigente – non abbiamo avuto situazioni di richieste ma ci stiamo attrezzando per approfondire ed adottare una di queste due procedure».

Pronta la risposta di Osvaldo Pirani che ha chiesto un chiarimento nell’eventualità che si presenti un caso prima che venga fatta la scelta del procedimento da seguire. Il dirigente Torelli ha informato che essendo in vigore la sentenza della cassazione del 1986, se si dovesse presentare un caso del genere, verrà applicata la medesima.

A cura di Emanuel Santoni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.