Caritas Diocesana Jesi, presentato il bilancio sociale 2020 | Password Magazine
Banner-StudioGamma
studiogamma

Caritas Diocesana Jesi, presentato il bilancio sociale 2020

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Al centro il direttore della Caritas Diocesana Jesina Marco D'Aurizio con alcuni dei suoi collaboratori

JESI – Presentati alla Chiesa di San Nicolò il bilancio sociale 2020 della Caritas Diocesana di Jesi e della Fondazione Centro Servizi Caritas Jesina Padre Oscar, la relativa mostra fotografica che ripercorre le attività della Caritas e il documento realizzato in collaborazione con Voce della Vallesina che raccoglie tutte le Caritas Parrocchiali del territorio e le loro attività.

Il bilancio sociale realizzato e voluto dalla Caritas è il primo bilancio della loro organizzazione, prende in esame il periodo che va dal 2015 al 2020 e si propone di rendere noti al territorio tutte le attività, le collaborazioni e i servizi erogati, insieme a sensibilizzare i cittadini ai temi della povertà e della necessità di aiuto. Dal bilancio appare come la Caritas Diocesana e la Fondazione siano stati importanti nel territorio con i loro aiuti pratici, infatti si evince che le presenze al Centro di Ascolto sono state 1.058, i pasti erogati alla Mensa del povero sono stati 10.183 (dalla pandemia di covid erogati mediante modalità di asporto), 410 le famiglie assistite, 1.496 i carrelli di cibo Emporio Solidale. I documenti e la brochure riguardanti il bilancio sociale saranno consultabili presso la mostra esposta alla Chiesa di San Nicolò, dal 4 all’8 dicembre 2021.

«Grazie a Beatrice Testadiferro e alla redazione del giornale che ci ha consentito di convocare la conferenza stampa e di realizzare questo documento in collaborazione con il nostro giornale diocesano, raccolta che verrà regalata nella giornata di domani- afferma Marco D’Aurizio, Direttore della Caritas Diocesana – La Caritas non è solo quella diocesana, ma quella formata da tutte le parrocchie. Non avevamo mai fatto un bilancio sociale, ci ha permesso di fare il punto della situazione e di comunicarlo al territorio, anche se è difficile essere esaustivi. Caritas è chiesa, è parte della chiesa, espressione anche operativa di essa. La Caritas non fa solo beneficienza, è tanto altro, vuole essere vicina alle persone e accompagnarle, tentare di togliere le persone da uno stato di necessità e portarle ad uno stato di libertà, è un’organizzazione che tende ad operare al fine che non serva più. Poiché la Caritas non è un’entità giuridica, è stata costituita una Fondazione grazie all’intuizione del nostro vescovo Gerardo Ronconi; il mio predecessore ha creduto in questo progetto, don Nello Barboni, e ci dobbiamo ricordare dell’economo diacono Augusto Abbatelli».

Come spiega il Direttore i servizi erogati sono molteplici, si va dal Centro di Ascolto dove si cerca di comprendere le esigenze delle persone, all’attivazione dei servizi a seconda dei bisogni. C’è un emporio degli alimenti, dove piuttosto che ricevere un pacco alimentare, le persone bisognose ,tramite una scheda e un software, possono prendere ciò di cui hanno bisogno scegliendolo loro stesse, e anche un emporio degli indumenti che verrà inaugurato a gennaio. All’interno dell’organizzazione vi è anche un ambulatorio medico, e vengono fatti percorsi di inclusione sociale attraverso tirocini formativi e di inclusione per chi ha perso il lavoro e si trova in condizioni di fragilità. Tra i progetti futuri c’è quello di creare un armadio farmaceutico in collaborazione con il Banco Farmaceutico Nazionale, con raccolta di farmaci non scaduti ma non da buttare attraverso le farmacie. Uno dei progetti realizzati dall”organizzazione è quello della Cooperativa Agricola Sociale Orto del Sorriso, nata nel 2014, che ha come scopo la valorizzazione e lo sviluppo agricolo sostenibile di terreni locali messi a disposizione dalla diocesi, da enti pubblici e privati, al fine di favorire l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati o in difficoltà economica.

Tutti i servizi e le attività avvengono grazie ad un profondo dialogo con i servizi sociali, l’ASP 9 e le istituzioni, e attraverso tutta la rete di collaborazione messa in piedi dalla Caritas. Spiega Marco D’Aurizio: «Negli ultimi 5/6 anni abbiamo attivato reti e collaborazioni con le Caritas Parrocchiali, gli indispensabili volontari, le Caritas diocesane di Fabriano, Ancona e Senigallia, 20 Caritas di tutto il territorio nazionale, donatori di beni materiali o denaro, che sono ditte o privati, i Comuni e l’ASP 9, cooperative e associazioni. Collaborare richiede tempo, pazienza, superamento di personalismi e diffidenze. Da soli si opera più in fretta ma insieme si va più lontano».

 

A cura di Chiara Petrucci

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.