Chi semina, raccoglie: domenica inaugurazione di Piazza degli Orti

MONSANO – Domenica 2 ottobre il progetto Piazza degli Orti a Monsano diventerà operativo.Una giornata di festa, a partire dalle 10.00 del mattino, con il forno in terra cruda acceso, gli stornelli de La Damigiana, laboratori per bambini, corsa delle carriole, artigiani rurali, cavalli in campo, performance di artisti del territorio, e soprattutto tante energie e passione intorno al tema dell’orto e dell’agricoltura organica.

il progetto Piazza degli Orti vuole favorire la realizzazione di una comunità dell’ortointorno alla quale creare competenze, passioni, relazioni, convivialità, basandosi su un’agricoltura innovativa, senza pesticidi e fertilizzanti chimici, sperimentando nuove tecnologie e sempre in evoluzione. L’area, completamente pedonale, è organizzata con soluzioni differenti. Una zona è dedicata ad Orti frutteto in vendita di 1000 mq, con rimessa attrezzi in legno, dove poter dare pieno sfogo al proprio pollice verde e crearsi il proprio luogo di pace. Un’altra area dell’appezzamento è dedicata ad orti sociali di 100 mq, per chi ha voglia di re-inventarsi e garantirsi una sicurezza alimentare coltivandosi verdura sana e genuina, ritrovando un rapporto con la terra, condividendo una socialità alternativa, sperimentando buone regole di agricoltura civica. Sono presenti inoltre delle soluzioni per coloro che hanno meno tempo senza voler rinunciare ad un’alimentazione sana. L’orto è passione comune, sperimentazione continua di nuove pratiche naturali, pretesto di convivialità e importante facilitatore di integrazione sociale – intergenerazionale e interculturale. È quì che nasce la Piazza: tra le due anime del progetto (gli orti giardino in vendita e gli orti sociali in affitto) è presente un’area di quasi 6000 mq, che accoglie una zona a barbecue, il forno in terra cruda, aiuole dimostrative di pratiche di permacultura ed agricoltura naturale, erbe officinali e tanta voglia di fare l’orto. L’ingresso alla giornata è gratuito.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*